Roma, 14 mar – L’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, nota ai più come Frontex, ha reso noti i dati sull’arrivo dei clandestini in Italia attraverso la rotta del Mar Mediterraneo. Ebbene, gli arrivi di febbraio segnano un calo record: non sono mai stati così pochi negli ultimi nove anni. In totale infatti sono arrivati sulle nostre coste appena 60 immigrati irregolari, il 70% in meno rispetto al mese di gennaio.

Frontex segnala poi, nel comunicato diffuso oggi, che il totale di ingressi di clandestini “nei primi due mesi dell’anno ha raggiunto i 260, cioè il 95% in meno rispetto al periodo corrispondente del 2018, proseguendo il trend in calo che era iniziato nell’estate del 2017″. Stando ai dati diffusi dall’Agenzia europea, la gran parte degli immigrati che raggiungono l’Italia sono bengalesi e tunisini. Vi è comunque un netto calo anche del numero di ingressi illegali in Europa sulle quattro ruote: – 58% in meno a febbraio rispetto a gennaio.

Secondo Frontex, il calo complessivo è dovuto in particolare alle pessime condizioni meteo in parti del Mediterraneo centrale. E’ però evidente che la politica delle porte aperte precedentemente attuata dai governi italiani, a maggior ragione se analizzata alla luce dei dati odierni, era un incentivo per chi intendeva arrivare in Italia. Non a caso, se osserviamo le statistiche attuali riguardanti il numero di ingressi illegali nell’Ue nei primi due mesi dell’anno, notiamo che in totale sono arrivati 11.800 immigrati irregolari, in linea con lo stesso periodo dell’anno precedente.

In forte calo anche le domande di asilo

Le domande di asilo in Italia segnano – 61% nel 2018 rispetto al 2017. In generale, nel 2018 sono state presentate 580.800 richieste di protezione internazionale nell’Unione europea, con un calo del 11% rispetto al 2017 e un ritorno ai livelli del 2014, prima del picco del 2015, quando furono presentate 1.256.600 domande di asilo, secondo i dati pubblicati oggi da Eurostat.

Alessandro Della Guglia

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Su “altre sponde” si rende noto che nonostante i reclami politici, gli sbarchi tramite qualsivoglia mezzo sono aumentati lo stesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here