antimafiaRoma, 27 ott – “Professionisti dell’antimafia” è l’espressione, tanto famosa, quanto infelice, con la quale Leonardo Sciascia, nel 1987, si scagliò contro la nomina di Paolo Borsellino a Procuratore Capo di Marsala. All’epoca erano ancora lontane da venire le stragi di Capaci e Via D’Amelio e il pool di magistrati siciliani, impegnati in prima linea nella lotta alla mafia, non godeva dell’assoluto rispetto che oggi evoca il ricordo del martirio eroico di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Così, secondo l’assunto del sicilianissimo scrittore, all’epoca il trovarsi faccia a faccia con il piombo mafioso non sarebbe stato merito, quanto una scorciatoia carrieristica. La polemica che seguì segnò irrimediabilmente gli animi e le vite professionali di coloro che ne furono coinvolti: probabilmente il Consiglio superiore della magistratura anche per tale motivo non scelse Giovanni Falcone quale capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo, e perse l’occasione di segnare un ulteriore progresso nella lotta alla mafia. Il tempo e purtroppo anche il tritolo e il sangue hanno rivelato quanto ingiusta e poco opportuna fosse questa accusa.

Il tono con il quale Sciascia caricò la sua invettiva torna di attualità proprio in questi giorni e sembra adattarsi perfettamente ad alcuni professionisti che sull’antimafia hanno costruito le proprie fortune.

Infatti, l’indagine della Procura di Caltanissetta e le relative intercettazioni che ancora una volta riempiono le pagine dei giornali (purtroppo, è il caso di aggiungere, perché restano comunque strumenti investigativi e non mezzi di ricerca per le inchieste giornalistiche) rivelerebbero un agghiacciante connubio tra magistrati e avvocati che, pur trovandosi impegnati su uno dei fronti più delicati del contrasto alla mafia, quello della repressione delle attività economiche illecite e della loro bonifica, gestiscono l’incarico tra favoritismi e raccomandazioni, con una protervia che farebbe impallidire anche il boss più incallito.

L’accaduto manifesta il prodotto culturale degli ultimi venti anni di antimafia: senza entrare nel merito della vicenda e senza lasciarsi andare a condanne sommarie e premature, l’impressione è quella che al di là dell’ossequio formale alla memoria dei caduti e dei solenni impegni a rafforzare sempre di più gli strumenti di contrasto alla criminalità organizzata, l’eliminazione di questo cancro sia ancora lontana. E lo dimostrano le connivenze e la cortina di mistero che copre ancora alcuni aspetti delle stragi. Fra tutte, le nebbie della “trattativa”.

Sarà anche vero, allora, che la mafia non ha vinto, ma è pure vero che anche senza vincere ha infettato fasce ampissime della cosiddetta società civile. A ben vedere, però, l’abisso nel quale sta sprofondando una certa antimafia ci restituisce più chiara l’immagine di quella vera. Per riassumerla con un esempio, è sufficiente essere capaci di cogliere la differenza tra chi è saltato in aria con la sua auto blindata e chi, invece, usa la stessa auto di servizio blindata per andare al mare a sirene spiegate ed evitare il famigerato traffico di Palermo.

Società degli Scudi

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here