Roma, 25 lug – Piero Marrazzo è finito di nuovo nei guai. Stavolta nulla a che vedere con scandali sessuali, semplicemente l’ex governatore del Lazio è stato sospeso dall’incarico di corrispondente Rai a Gerusalemme per presunte irregolarità nella gestione dell’ufficio di corrispondenza. Una decisione presa dalla società di servizio pubblico dopo un’ispezione dell’organismo di controllo interno sulla gestione della sede, a seguito di una lettera anonima spedita alla Rai e ad alcune autorità, tra cui la magistrata.

Stando a quanto emerso, l’indagine sarebbe iniziata qualche mese fa e l’ispezione avrebbe rilevato presunte irregolarità gestionali e contabili. La Rai avrebbe anche già licenziato il producer israeliano. Il Fatto Quotidiano riferisce che a breve Marrazzo, corrispondente Rai da Gerusalemme dal 2015, a breve renderà pubblica la sua “versione dei fatti”. Il giornalista ed ex politico del Pd rischia però di finire di nuovo nella bufera, per quanto in questo caso si tratti di una vicenda ancora tutta da chiarire e completamente diversa dalla precedente.

Alessandro Della Guglia

5 Commenti

Commenta