Catania, 13 giu – Ha attraccato al porto di Catania la nave Diciotti, imbarcazione della Guardia costiera. A bordo sono presenti 932 immigrati, recuperati in mare durante sette operazioni di soccorso al largo delle coste della Liba. Stando alle informazioni più recenti, sulla nave ci sono anche due cadaveri. Tra i 932 immigrati sulla nave Diciotti si contano quattro donne incinte e un minorenne, i quali sono stati trasferiti nelle strutture ospedaliere di Agrigento e Palermo con elicotteri del 118.

Sul molo è giunto il personale specializzato nelle operazioni di sbarco. Inoltre, investigatori della squadra mobile della Questura, delegati dalla Procura distrettuale di Catania, hanno avviato le indagini del caso. Al contrario delle imbarcazioni della Ong, per le quali il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha disposto la chiusura dei porti, la nave Diciotti ha potuto attraccare perché il blocco non riguarda navi militari italiane. L’operazione di salvataggio della Guardia costiera rientra, infatti, nelle mansioni delle unità di Eunavformed (la missione europea di contrasto al traffico illegale di esseri umani) e di alcune navi commerciali.

Federico Pagi

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. UN PLAUSO A SALVINI PER LA FERMEZZA VERSO L’ACQUARIUS CHE APPRODERA’ IN SPAGNA ( nel rifiuto generale, giusto elogiare la “Bontà” iberica, che comunque poteva pensarci da qualche decennio).
    NON SI CAPISCE PERO’ PERCHE’ L’ATTUALE E PIU’ NUMEROSO DEBBA RESTARE IN ITALIA, IMPEGNANDO PERALTRO LA MARINA MILITARE, CHE PERO’ SVOLGA DOVEROSAMENTE SOLO IL SOCCORSO AI BISOGNOSI AVENDO CONFERMA DALLA UE DELLA DESTINAZIONE DEGLI ALTRI ESCLUSA L’ITALIA , TRANNE PER LA QUOTA SPETTANTE IN FUTURO (al momento la sola Francia è in debito verso l’Italia di circa 9.500 migranti da accogliere e finora rifiutati ).
    APPROFITTO PER SOTTOLINEARE ALTRE MACROSCOPICHE ANOMALIE SULL’ACQUARIUS : LA SMISURATA UMANITA’ DELL’ONG AVRA’ SENSO SE PORTATA FINO IN FONDO. SE PARTE CON L’OBIETTIVO DEI SALVATAGGI (anche se resta valida un’equazione elementare: + partenze = + annegamenti, purtroppo anche di bambini- stranamente non accompagnati per futura prolificità (?)- e donne incinte a mò di scudo e/o strappa-lacrime) DEVE PORTARE FINO IN FONDO RESPONSABILMENTE LA SUA MISSIONE , VALUTANDO DI NON SCARICARE AD ALTRI LA SUA “BONTA” E SENZA PREPARARSI ALIBI VILI ( scarsezza di carburante, medicine e/o viveri), ALTRIMENTI SENZA IL RISPETTO DI TALI PREMESSE LE ONG (tutte !) NON SOLO VALGONO UN FICO SECCO , MA DOVRANNO CESSARE IL COSTOSO SERVIZIO DI AMBULANZE DEL MEDITERRANEO-CIMITERO !
    INOLTRE NON EMERGE CHE FINE HANNO FATTO I PRIMI SCAFISTI DELL’IMBARCO ALLA PARTENZA CONSEGNATISI AI SECONDI SCAFISTI DELL’ACQUARIUS CHE DOVREBBERO ESSERE ASSICURATI ALLE PATRIE GALERE …. IN COMPAGNIA DEI SECONDI SCAFISTI (SPESSO PERALTRO FAMOSE ASSOC.UMANITARIE SI SONO COMPROMESSE IN CERTE SITUAZIONI CON CASI DI MORBOSA PEDOFILIA E QUANT’ALTRO).
    RINGRAZIO IN ANTICIPO CHI VORRA’ RAGGUAGLIARMI IN MERITO.
    Leonida Laconico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here