Roma, 16 apr – L’incendio a Notre Dame è stato il tema al centro dell’accesa discussione tra Vittorio Sgarbi e Alessandro Meluzzi, che a Quarta Repubblica, il programma condotto da Nicola Porro, si sono scontrati sul valore architettonico e morale della cattedrale devastata dalle fiamme. Il critico ha voluto ribadire più volte che Notre Dame è sì il simbolo di Parigi, ma la sua importanza architettonica non è così centrale come si ritiene e che le parti andate a fuoco sono ricostruibili. E spiega: “Le cose irreparabili sono quelle dove perdi delle opere centrali per la storia e cultura dell’Occidente. Lì non c’è nulla, le vetrate sono state finite nel 1967 e sono opere assolutamente triviali di nessuna importanza e se dovremo ricostruire ricostruiremo, esattamente come quello che ha fatto E.T., Rambaldi, si è inventato dei mostri, che sono stati montati dopo che Viktor Hugo ha scritto la sua Notre-Dame de Paris”. Meluzzi non è dello stesso avviso, e crede che l’evento sia da ritenersi una vera e propria catastrofe per la civiltà occidentale.

“Io mi vergognerei di queste dichiarazioni”, urla lo psichiatra al critico d’arte, che contrattacca così: “Quella di Meluzzi è pure retorica di una mente ottenebrata che non sa distinguere tra le opere d’arte e le cartoline. Ignorante come una capra! Privo di ogni competenza!”.

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Meglio Sgarbi o Meluzzi? Confrontare un esperto d’arte con un esperto di psichiatria criminale è come confrontare un locomotore ferroviario con una zolletta di zucchero — sono grandezze non paragonabili. Al di là della sensazionalità, che senso ha uno “scontro” del genere? Un’opinione è sempre possibile e gradita, ma ciascuno resti nel proprio ambito quando si tratta di “rivendicazioni”, che è meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here