Pavia, 25 mar – Ennesimo episodio di violenza che ha visto come protagonista un immigrato, stavolta a bordo di un autobus sulla linea urbana di Pavia. La Provincia Pavese riporta che venerdì nel primo pomeriggio una 17enne, di ritorno dalla scuola, era salita sull’autobus per raggiungere la propria abitazione. Quando il bus ha attraversato il ponte coperto del Lungoticino, sull’autobus affollato è scoppiato il finimondo.

La studentessa, accortasi di una mano che gli frugava nella tasca del cappotto alla ricerca del suo smartphone, ha iniziato ad urlare, indicando un immigrato che sostava in piedi dietro di lei.  Quest’ultimo prima ha negato il furto e poi ha ammesso di averla urtata a causa della brusca frenata del mezzo. La giovane non ha proprio voluto credere alle parole dello straniero, e ha seguitato a indicarlo come autore del tentato furto. Ed è stato proprio a quel punto che l’immigrato, temendo l’intervento delle forze dell’ordine, tentando di fuggire prima ha spinto la studentessa e poi le ha inferto una testata al viso.

L’aggressore è riuscito a scendere di corsa in strada facendo perdere le proprie tracce. Gli altri passeggeri, dovendo soccorrere la ragazza e avvisare l’autista sull’accaduto, non sono riusciti nel tentativo di rincorrere l’uomo. La 17enne ha riportato una contusione allo zigomo ma si è rifiutata di allertare sanitari del 118 e forze dell’ordine, preferendo continuare il viaggio per tornare a casa. Una volta tornata nella sua abitazione in un paese alle porte di Pavia, la ragazza, accompagnata dai genitori, si è recata alla stazione dei carabinieri di Villanterio dove ha sporto denuncia contro ignoti. I militari della compagnia di Pavia hanno immediatamente avviato indagini.

Cristina Gauri

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Devono e se fossi io gli spezzo le braccia e gli taglio le mani no pieta’ e’ ora che il popolo smetta di difenderli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here