Pavia, 19 mar – Quattro persone  si sono rifiutati di consegnare documenti e generalità ai Carabinieri intervenuti sull’intercity sul quale viaggiavano. Le forze dell’ordine sono state allertate dal capotreno in quanto questi individui non erano provvisti del biglietto poichè, definendosi “terrapiattisti”, sostengono di appartenere ad un’altra legislazione “planetaria”.

Il diritto all'”autodeterminazione”

I quattro non avevano con loro alcun documento o carte d’identità e non per una semplice dimenticanza, badate bene, ma con un intento: alla richiesta del controllore di fornire le proprie generalità, essi hanno esibito un foglio plastificato con su scritta la parola “autodeterminazione”. Secondo i loro principi, che si sono premurati di illustrare all’incolpevole dipendente delle ferrovie, sono infatti “soggetti di diritto internazionale pregiuridico” nonché «ambasciatori diplomatici fuori da ogni giurisdizione planetaria». Insomma essendo, secondo le loro parole, “stati di se stessi” la semplice richiesta di pagare un biglietto del treno o di vedersi commutare una multa è un “attacco a uno stato libero perseguibile dalla corte mondiale“. “Cittadini del mondo” è un’altra espressione che hanno usato per definirsi.

E il treno tarda un’ora

Tuttavia, a causa di questa erudita discussione, il treno Milano-Ventimiglia su cui viaggiavano illecitamente è rimasto fermo quasi un’ora alla stazione di Pavia. Il gruppo è regionalmente “eterogeneo” trattandosi di un 43enne di Verona, un 37enne di Messina, una 37enne di Savona e un 26enne di Ancona. E anche se non riconoscono le nostre leggi, gli è stata comunque affibbiata una denuncia per interruzione di pubblico servizio e rifiuto di fornire le generalità.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Considerato che hanno chiuso i manicomi, una sana e tradizionale scarica di calci in culo non sarebbe la cura più efficace? Oppure è soltanto una riedizione di Amici miei da parte di alcuni burloni?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here