peppa-pigLondra, 5 lug – Una famiglia di maiali. Ma fin troppo “tradizionale”. Secondo Norman Lamb, figura di spicco dei Lib Dem e del panorama politico inglese, in Peppa Pig, il cartone animato inglese diretto e prodotto da Astley Baker Davies e distribuito in 180 paesi, ci sarebbe una carenza di… personaggi gay.

Intervistato dal tabloid The Sun, Lamb ha spiegato di ritenere necessario modificare il parco personaggi del celebre cartone animato. Come è noto, il cartoon è incentrato sulle avventure di Peppa e della sua famiglia di maialini: mamma Pig, papà Pig e il fratellino George. È in effetti quasi miracoloso che pur essendo nato in un’epoca di dittatura del politicamente corretto e di teorie gender, Peppa Pig abbia una famiglia “moderna” ma dai ruoli piuttosto definiti.

Proprio per questo l’ipotesi di inserire personaggi omosessuali, dice Lamb, “non dovrebbe assolutamente essere esclusa”. In generale, afferma, la presenza più massiccia di figure gay nei programmi televisivi si rivelerebbe utile per i teenager “che faticano a convivere con la propria sessualità”.

Dopo aver suscitato l’ira di associazioni musulmane e di multiculturalisti troppo zelanti, dopo aver indispettito vegani e animalisti, ora Peppa Pig entra nel mirino anche della lobby gay. Che tutte queste discussioni possano essere suscitate da un cartone per bambini in età pre-scolare le cui puntate durano 5 minuti è davvero un segno dei tempi.

Giuliano Lebelli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here