Novara, 4 set – Aveva sollevato un’ondata di indignazione il post di Eliana Frontini sull’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega. «Uno in meno e chiaramente con uno sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza», aveva scritto su Facebook la professoressa dell’Istituto Pascal di Romentino di Novara. In extremis la Frontini aveva anche abbozzato un goffo tentativo di scuse, che però non avevano convinto praticamente nessuno: «Sono stata fraintesa. Intendevo dire che chi sceglie di fare il carabiniere deve accettare anche i rischi del mestiere. Se fosse morto un idraulico, una professoressa, un fornaio sarebbe stato diverso». Niente da fare: la prof fu sospesa temporaneamente dall’insegnamento.

Il post incriminato

Il procedimento contro la Frontini

La sospensione, decretata dall’Ufficio scolastico regionale del Piemonte, sarebbe durata perlomeno sino all’esito del procedimento disciplinare. Un procedimento che, però, sembra avviarsi verso l’archiviazione. Davanti alla commissione disciplinare, infatti, la prof ha prodotto una dichiarazione asseverata della persona che si è assunta la piena responsabilità dell’accaduto. In altri termini, un individuo di cui non è nota l’identità – ma si dovrebbe trattare di un parente molto stretto – avrebbe pubblicato il post incriminato utilizzando l’account Facebook della Frontini.


Leggi anche: Arroganza e zero rispetto per lo Stato: la «scuola di sinistra» ha fallito

La prof torna a scuola

E così, in attesa della decisione definitiva dell’Ufficio scolastico regionale, come si apprende da Stylo24, la prof ha potuto far ritorno a scuola per partecipare agli scrutini che riguardano gli alunni che, lo scorso giugno, sono stati rimandati con un debito. Non è tuttora chiaro se la Frontini già da lunedì prossimo potrà riprendere regolarmente le lezioni, così come non è certo se, in caso di definitivo reintegro, la prof intenda rimanere nell’Istituto Pascal di Romentino di Novara. Indipendentemente dall’archiviazione del procedimento disciplinare, rimane comunque in piedi l’inchiesta per vilipendio delle forze armate aperta dalla Procura della Repubblica.

Elena Sempione

Commenti

commenti

9 Commenti

  1. Sarebbe da abbandonare subito questo paese in totale dissoluzione e completamente svenduto al globalismo sionista, finanziario e massonico.
    Che fine disgustosa! Il popolo eletto, razzista e usuraio, che dominerà una bolgia di dannati, disperati e inconsapevoli di tutto.

  2. Disgustato dalle nuove dichiarazioni della “professoressa”. Non ha neanche il coraggio delle sue opinioni! E queste macchiette dovrebbero formare i nostri figli. Povera Italia!

  3. Tranquilli, se la “professoressa” invece scrivere quelle oscenità, avesse mosso qualche giudizio contro i malati mentali dellAnpi, a quest’ora era già licenziata.

  4. quando questa trucida professoressa dell’ odio muorirà di morte naturale potremo tranquillamente dire “una in meno e chiaramente con sguardo poco intelligente.Non ne sentiremo la mancanza”

  5. Dovrebbe stare in GALERA non su di una cattedra ….

    E lei ? avrebbe una faccia intelligente ?
    Furba è furba …
    ma anche gli scippatori ed i truffatori lo sono ….

  6. Si, proprio il marito: magari, prima, avrà pensato pure di scaricare l’accaduto sul figlio minorenne…
    La Eliana si crede più furba ed intelligente, ma non credo proprio che questa sua strategia difensiva, concertata durante le vacanze, possa davvero scagionarla, almeno agli occhi dell’opinione pubblica. Sarebbe meglio per lei presentare le dimissioni e trasferirsi all’estero: non ne sentiremo la mancanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here