Camisano Cremasco, 9 ago – Una pozza di sangue in camera da letto, un uomo ubriaco, la casa a soqquadro e i figli sotto choc. È questa la scena che si è presentata ieri davanti ai carabinieri di Camisano Cremasco, piccolo comune con poco più di 1200 abitanti in provincia di Cremona. Ad avvertirli è stata una donna, poco prima che venisse travolta dalla furia violenta del marito, un indiano, in preda ai fumi dell’alcol.

A fatica la moglie è riuscita ad avvertire i soccorsi, prima che fosse troppo tardi. Tutto è successo all’1 di notte dell’8 agosto, in un tranquillo paesino della bassa cremonese a vocazione agricola, dove la presenza degli immigrati si assesta a quasi il 7% della popolazione. In particolare ci sono molti indiani, che vengono impiegati per lo più nel lavoro in fattoria, per accudire gli animali, e nei campi.

Quando sono arrivati i carabinieri, la donna era riversa a terra ai piedi del letto in stato di semi incoscienza. Si trovava in una pozza di sangue che le usciva dal naso e dalla bocca, con il volto sfigurato dai pugni. Respirava a fatica: se avessero tardato i soccorsi, probabilmente sarebbe morta.

L’uomo, un operaio di 45 anni non si è fermato nemmeno di fronte ai tre figli, due dei quali sono minorenni. Li ha risparmiati dalle violenze, che hanno investito tutta la casa, messa a soqquadro con mobili e soprammobili rotti, ma non dalla paura e dallo spettacolo delle percosse nei confronti della loro madre. Ora sono ancora sotto choc.

L’indiano, all’arrivo dei carabinieri, è stato arrestato con l’accusa di lesioni gravi e ora si trova in carcere a Cremona. La moglie 41 enne è stata subito portata in ospedale a Crema, dove fortunatamente non sta rischiando la vita. Le botte, però, le hanno procurato una grave frattura al setto nasale e nei prossimi giorni verrà sottoposta ad un intervento chirurgico.

Un episodio, l’ennesimo, di violenza domestica che per un soffio non è finito in tragedia, e che ha avuto per protagonisti una famiglia di immigrati indiani.

Anna Pedri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here