Roma, 21 giu – Per tagliare l’erba di parchi e grandi ville a Roma l’amministrazione guidata Virginia Raggi ha avuto l’idea di ingaggiare le pecore. Un’idea bizzarra, ma che venne accolta con giubilo dalla Coldiretti sulla scorta del fatto che già in altre città le pecore al posto dei tosaerba sembrano essere una soluzione al problema della manutenzione di parchi e giardini.

A meno di un mese dall’approvazione dell’impiego delle pecore l’idea si è rivelata un colossale flop. Agli animali in questione, infatti, l’erba ormai secca non piace e le pecore si rifiutano di brucare. Risultato: l’erba rimane alta e probabilmente dovranno intervenire i trattori della Coldiretti per risolvere il problema dell’erba alta. E dire che sarebbe bastata la saggezza di un contadino per capire che l’erba di fine giugno è troppo dura e che le pecore brucano quella primaverile.

Il problema non è che le pecore siano schizzinose, ma il fatto che sono stati completamente sbagliati i tempi di impiego delle pecore. L’avviso pubblico che dava notizia del bando sull’ecopascolo prevedeva la concessione temporanea di aree verdi per il periodo compreso tra il 15 giugno ed il 15 luglio. In tutto una ventina le aree verdi e i parchi della città interessate dall’iniziativa, che aveva la finalità di decoro o attività di fienagione. La Raggi aveva assicurato che non c’era il pericolo di vedere greggi di pecore in centro città, ma solo nei grandi parchi. Tuttavia, presto nemmeno lì si potranno più vedere questi tosaerba ecologici a quattro zampe. E il motivo è presto detto: in questo periodo l’erba è già dura, secca, e troppo alta per essere falciata dal pascolo delle pecore, che non riescono a digerire un’erba non più tenera. 

Nel frattempo, però, in luogo delle pecore Roma è invasa da topi e cinghiali. A trstimoniarlo è stata ei giorni scorsi anche la popolare conduttrice radio tv Enrica Bonaccorti, che su twitter ha postato una foto che ritrae un branco di cinghiali rovistare tra la spazzatura. “In attesa delle pecore per l’erba, abbiamo i cinghiali per l’immondizia! Io vivo a Roma da 50 anni, stessa zona. Mai visto un degrado così (a parte le buche assassine…) Peccato, è la città più bella del mondo”.

Anna Pedri

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here