Roma, 3 lug – Violente esplosioni dal cratere del vulcano di Stromboli. La caduta di lapilli sta provocando incendi nella zona dei canneti e molti turisti impauriti si sono gettati in mare. Dalle immagini diffuse si notano due trabocchi di lava scendere dalla Sciara del fuoco. Attimi di terrore per le numerose persone che si trovavano in zona al momento delle esplosioni iniziali. La Protezione Civile regionale si è subito attivata, così come forestale, carabinieri e vigili del fuoco. Non risultano persone coinvolte nelle forti esplosioni.

I vigili del fuoco hanno inviato sull’isola siciliana delle squadre da Lipari, per tentare di spegnere quanto prima gli incendi di sterpaglie che si sono sviluppati senza però coinvolgere le abitazioni. La guardia costiera è pronta ad evacuare coloro che volessero lasciare l’isola.

“C’è stata una violentissima esplosione seguita da una pioggia di lapilli incandescenti e materiale lavico – ha dichiarato all’Ansa Gianluca Giuffrè, giornalista e proprietario di un bazar a Ginostra -Tutte le persone che si trovavano al villaggio, circa un centinaio tra turisti e residenti, si sono barricate in casa e si sono lanciate in mare. La situazione è critica anche se al momento non ci risultano feriti”. L’esplosione registrata alle 16,46 è, secondo gli esperti dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, “una della maggiori esplosioni registrate sullo Stromboli”.

Aggiornamento ore 19:05Un escursionista sarebbe morto a causa dell’eruzione. A confermarlo all’Ansa è stato il sindaco di Lipari Marco Giorgianni. Si tratterebbe di un turista che stava facendo una escursione nella zona sommitale del vulcano.

Alessandro Della Guglia

1 commento

Commenta