Reggio Emilia, 10 gen – Stupratore seriale e rapinatore: il ghanese Ofori Bright, 30 anni, ricercato dal 2017, è stato finalmente assicurato alla giustizia ed è finito dietro le sbarre nei pressi di Reggio Emilia. L’immigrato lascia dietro di sé una scia lunghissima di crimini commessi a partire dal 2004. Il primo arresto risale appunto a 14 anni fa, quando Bright, ancora minorenne, rapinò due ragazzine. Dopo due anni di carcere, nel 2007, ottenne dal giudice l’autorizzazione a lavorare la mattina ed a rientrare nella struttura detentiva la sera. Un giorno del marzo 2007 il ghanese non rientrò in carcere.

Durante questa latitanza l’immigrato si rese colpevole di sequestro e stupro di una 54enne che lavorava presso la stazione ferroviaria di Reggio Emilia. I filmati di alcune videocamere di sorveglianza riuscirono ad incastrarlo e farlo tornare dietro le sbarre. Venne condannato a 8 anni, con pena scontata tra vari carceri minorili tra Bologna, Palermo e Cagliari. In carcere Bright non voleva proprio starci: quindi si rese protagonista di un’evasione nel 2009 e tornò a delinquere il giorno successivo alla fuga, rapinando un uomo. Le forze dell’ordine riuscirono a individuare la sua posizione rintracciando il segnale del telefono cellulare che aveva rubato alla vittima. Venne arrestato nei pressi della stazione di Milano e tornò in carcere dopo 11 giorni dall’evasione.

Durante la breve latitanza Ofori commise un altro: stuprò una bulgara di 40 anni, aggredita a Casalecchio di Reno. La donna lo riconobbe in una foto segnaletica. Il processo lo condanna a 5 anni di reclusione in carcere: tuttavia, dopo qualche tempo trascorso nella casa circondariale della Dozza, Ofori viene inspiegabilmente scarcerato e fugge, riprendendo la sua latitanza. Fino alla scorsa notte, quando, a causa di una rissa, la polizia lo ha rispedito dietro le sbarre del carcere di Reggio Emilia. Sperando che le maglie della giustizia stavolta siano più strette e che possa rimanere in galera più tempo possibile.

Aldo Milesi

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Ma scusate, c’è ben poco da rallegrarsi, tutta questa gente extracomunitaria al primo reato penale dovrebbe anche essere poi rimpatriata il più presto possibile, altro che carcere e poi di nuovo scorazzare in Italia a fare altri danni, la migliore soluzione operativa efficace quindi sarebbe che al primo reato penale si fanno il carcere duro pane e acqua in Italia e poi espulsione immediata dall’Italia a vita fatta seriamente, insomma, a mali estremi, estremi rimedi, come mai non si fa?

    Il M5S ritiene per caso che tali bestie extracomunitarie siano comunque risorse preziose bergogliane da tenere a vita in Italia?

    Oppure la Lega di Salvini non vuole risolvere definitivamente il problema per poterlo usare come cavallo di battaglia sempre e ovunque?

    O che altro?

    Per come la vedo io, mi sa una combinazione delle due ipotesi, non si spiega altrimenti!!

    Cordiali saluti.

    TheTruthSeeker

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here