Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 26 ott – Chi vive a Milano sa benissimo che le due linee di autobus, 90 e 91, che percorrono la circonvallazione interna della città, sono pericolose. Recentemente anche la tv nazionale si è interessata a loro, con alcuni servizi si Striscia la Notizia in cui veniva denunciato il degrado e i rischi presenti a bordo. Mai, però, era successo che un controllore venisse picchiato e riportasse ferite per 25 giorni di prognosi.



È successo qualche giorno fa, sulla linea 90 nei pressi di piazzale Nigra, dove termina viale Jenner, famoso per il suo altissimo tasso di immigrazione. Erano da poco passate le 20 e nel corso di un normale controllo sui biglietti, un sudanese clandestino di 29 anni ha dato di matto alla vista dei controllori e alla loro richiesta di esibire il biglietto. Ha cominciato a impugnare un fermaruota e ha spaccato un verto del bus e poi si è scagliato contro i vigilantes.

Ne ha feriti cinque, il più grave con un trauma cranico, lesioni al volto e alla mano, giudicate guaribili il circa un mese. Gli altri suoi colleghi hanno riportato ferite più lievi, ma sempre con prognosi dai 4 agli otto giorni. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, che nel frattempo hanno fatto scendere passeggeri e autista. Un militare è stato ferito dal sudanese, riportando contusioni per 7 giorni di prognosi.

Il clandestino, dopo aver picchiato controllori e carabinieri, ha anche cercato di rubare il mezzo, mettendosi alla guida dell’autobus. È stato quindi fermato e arrestato. A suo carico le accuse di tentata rapina, danneggiamento aggravato, lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale.

Vista la pericolosità delle due linee, la 90 e la 91, dovuta al fatto che su questi mezzi in particolare i passeggeri sono prevalentemente immigrati, è stato disposto che i due autobus vengano messi “sotto scorta” di notte, con a bordo vigilanti di Atm, in collegamento diretto con la polizia locale e le altre forze dell’ordine, che possono subito intervenire in caso di emergenza.

Anna Pedri

 

 



La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. L’immigrato, ANZI il RIFUGIATO , il MIGRANTE, ha tutto il diritto di spaccare la faccia ai controllori italiani e ha tutto il diritto ad avere un permesso di soggiorno, una casa, un sussidio e pure una donna italiana da scopare….

    VERGOGNA!

Commenta