Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 mag – Sono ormai giorni che a Repubblica l’aria è diventata incandescente. Metà del Consiglio di redazione, infatti, è sul piede di guerra. Il motivo? Il cambio di proprietà e di direzione del giornale. Per chi se lo fosse perso, qualche mese fa i De Benedetti hanno venduto l’intero gruppo Gedi – di cui fanno parte anche la Stampa e l’Espresso – alla famiglia Agnelli, con John Elkann che è diventato il nuovo editore del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari. Il passaggio delle consegne ha inoltre portato al licenziamento del direttore Carlo Verdelli, che dopo solo 14 mesi di regno ha dovuto cedere lo scettro a Maurizio Molinari, ex numero uno della Stampa e uomo molto vicino a Elkann.

Sangue di Enea Ritter

Galeotta fu la Fiat

E se al Cdr di Repubblica già non era garbato il siluramento di Verdelli, è poi arrivata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: il trattamento della notizia sulla richiesta del gruppo Fca di accedere agli aiuti di Cassa depositi e prestiti. Una questione effettivamente irritante: la Fiat, che ha spostato sede legale e fiscale all’estero, spesso delocalizzando la produzione e quindi mandando a spasso numerosi operai italiani, ora torna chiedere a Papà Stato di salvare la baracca. Privatizzare gli utili e socializzare le perdite: è il solito giochetto dei turbocapitalisti, che idolatrano il mercato solo fintantoché gli affari vanno bene, salvo poi chiedere alla collettività di aprire il portafogli nei periodi di magra. Però, visto che ora gli Agnelli sono alla guida anche di Repubblica, possono permettersi di far suonare lo spartito che più gli aggrada.

Black Brain

La rivolta della redazione di Repubblica

Il problema è che, nel Cdr del quotidiano, qualcuno ha ancora una coscienza. Va bene tutto: l’europeismo più bieco, gli elogi al Mes, la retorica antinazionale, l’antifascismo al caviale, la resa incondizionata alle divinità del mercato – ma far pagare agli italiani in difficoltà i «buffi» degli Agnelli, ecco, questo proprio no. Per farla breve, in molti non hanno gradito la linea troppo morbida di Molinari sull’affare Fca e Cdp: «Il sindacato interno dei giornalisti ritiene che si tratti di una copertura dell’evento squilibrata a favore dell’azienda controllata dal principale azionista del giornale, la Exor di John Elkann. Chiede di pubblicare un comunicato sul giornale. Molinari rifiuta», ha fatto sapere il Cdr di Repubblica.

La grande fuga

È a questo punto che alcune firme di punta del giornale hanno iniziato ad abbandonare la nave. Per primo lo ho fatto Gad Lerner, che ha spiegato così la sua scelta: «Mi ero imposto di aspettare, di non fare scelte affrettate, benché suonasse forte e chiaro il messaggio contenuto nel licenziamento senza preavviso di Carlo Verdelli. A parte quel gesto, la nuova proprietà ha ritenuto di esporre solo per vaghi accenni il progetto industriale e giornalistico intrapreso. Ma nel frattempo, in poche settimane, Repubblica è già cambiata. Non la riconosco più. Per questo, pur ringraziando il nuovo direttore che mi aveva chiesto di proseguire la collaborazione, preferisco interromperla qui», ha scritto il giornalista sulla sua pagina Facebook.

Ma non c’è solo Lerner. Anche altri pezzi grossi sono pronti a dare il benservito alla nuova direzione del quotidiano. Tra questi ci sono firme storiche come quelle di Michele Serra, Ezio Mauro, Roberto Saviano e Francesco Merlo. Per i transfughi, del resto, ci sarebbe anche un approdo sicuro: il nuovo giornale di Carlo De Benedetti, che si chiamerà Domani, sarà diretto da Stefano Feltri ed è attualmente in fase di allestimento. La grande fuga è iniziata. E, senza quelle firme, Repubblica potrebbe addirittura diventare un quotidiano rispettabile.

Valerio Benedetti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Beh diciamo che senza sti quattro bufalari ciarlatani hater seriali, diventera’ meno Jerusalem today e magari piu il punto di vista del talmud sull itagliano!
    Fora da i i ball salviano e company!

  2. DAI VOLTI CUPI DEL LERNER, SERRA, SAVIANO E DAL COLORITO CHE SI NOTA NEGLI STESSI SI COMPRENDE CHE SI E’ ESAURITO IL PASTONE DI VELENO DI CUI SI NUTRIVANO DA TANTO NELLE STANZE DI REPUBBLICA.
    FORSE TORNEREMO AD ACQUISTARE E LEGGERE REPUBBLICA DEPURATO DA SIMILI TOSSINE

  3. E’ bello veder litigare gli Shylock della PRAVDA italiota …..
    volano gli stracci in sinagoga ….. non credevo che tra USURAI ci fosse “competizione” ,
    pensavo fossero tutti tesi a incassar danari senza distinzione , pecunia non olet …..

    Un popolo di merda che ancora OGGI sbeffeggia l’ EROE Uria ed inneggia al re vigliacco
    (mica è una esclusiva dei savoia …..) david , il piccolo david che fece uccidere
    il miglior generale di un popolo di USURAI … per scopargli la moglie …..
    io mi vergognerei celebrando una simile NEFANDEZZA !!!!!

    Ah già , dimenticavo , URIA era un Hittitia ….. quindi ARIANO , ecco perchè era un EROE ….
    non era un vile giudeo ……
    più simile agli SPARTANI che al popolo dei mercanti …..(e mercanti per quelli è già un elogio …)

Commenta