Roma, 13 mar –  La storia è ormai – letteralmente – antica e dibattuta. E’ dai Mondiali di calcio del 2006 che il movimento (invero molto popular) per il ritorno de la Gioconda in Italia rivede nuovi fasti. Il Belpaese ha dato i natali ad aberranti parti mentali vendi-suonerie all’epoca, e ciò nonostante più di qualche testa pensante abbia cercato di spiegare che fu lo stesso artista a portarsi via il quadro in Francia.

La battuta di Matteo Salvini

Oggi interviene sul fatto il nostro vicepremier Matteo Salvini, dichiarando così: “Stiamo lavorando con l’ambasciatore francese per riprenderci la Gioconda“. Questa volta –  e c’è da dire per fortuna –  il leader della Lega sta solo scherzando. L’occasione si è presentata durante la conferenza stampa di introduzione delle celebrazioni per l’anniversario dei 500 anni dalla morte del genio Leonardo da Vinci. Poi Salvini stempera ulteriormente i toni, dicendo che “Non abbiamo bisogno di altre crisi internazionali“. E a proposito delle opere del genio toscano, il leader del Carroccio confessa a malincuore di non aver mai visto di persona l’affresco milanese de l’Ultima Cena. Dunque questa ricorrenza e le relative  celebrazioni saranno per il premier “un’occasione di crescita”.

Leonardo e i navigli

“Visionarie per l’epoca” così definisce le opere di Leonardo Da Vinci Matteo Salvini. Con l’occasione, parlando anche di Milano e della riapertura dei navigli, dice: “Mi auguro che Milano torni a essere città d’acqua, e contemplando il diritto al business torni a essere la città che era, bella e pulita”. Fu infatti proprio nel capoluogo lombardo che Leonardo approfondì i suoi studi idraulici ispirato dalla presenza nella città, appunto, dei numerosi navigli. E l’ambito del cinquecentenario della sua morte il ministro dell’Interno spera che possa “essere l‘occasione migliore per riportare alla luce una parte di quell’acqua, che è vita, speranza, trasporto e sguardo rivolto al futuro”.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here