janus1Roma, 12 gen – Passate le feste “natalizie”, chiuse ufficialmente dalla Befana o epifania (come ricorda l’articolo del buon Carlomanno Adinolfi), ci si ritrova nel nuovo anno, il 2769mo dalla fondazione di Roma per la precisione. Di sicuro avremo ricevuto il calendario del tabaccaio o del ristorante cinese a ricordarci che oggi è martedì 12. Ma dopo tanta attenzione rivolta al Sacro nei giorni che precedono il capodanno, possibile che poi tutto si riduca a contare i giorni come i condannati a morte? A cosa serve realmente il calendario? Romolo, il fondatore, istituisce il primo per Roma dove vengono omessi i primi due mesi di quello attuale, Gennaio e Febbraio, che secondo la lettura del Dùmezil non erano semplicemente considerati, come fossero una lunga notte, quasi a ricordare la lunga notte del Nord dove le attività sono sospese per le limitazioni climatiche e per attitudine interiore.

Inutile quindi scandire il tempo ove esso è sospeso, ricordiamo inoltre che l’anno per Roma, come per la maggior parte delle civiltà indoeuropee, iniziava a Marzo con la primavera. Ma già con Numa Pompilio, secondo re di Roma, i due mesi invernali vengono calendarizzati; evidentemente le attività della civiltà nascente non potevano arrestarsi neanche in questo momento dell’anno. E istituisce così il mese successivo al decimo, che diventa sacro a Giano, al Dio degli inizi, colui che presiede le soglie, la porta per eccellenza, il cambiamento di “stato” interiore soprattutto, non cambia per Roma l’inizio del nuovo anno che resta a Marzo enon a gennaio. Non inizia con Giano quindi l’anno secondo il calendario romano, ma non crediamo che Numa fosse stato un Re disattento alle cose sacre e men che meno avrebbe atrtribuito a Giano un mese a copertura di un vuoto “temporale”.


Giano presenzia a ridosso dell’inizio dell’anno solare, a ridosso del solstizio d’inverno, presenzia quindi il cambiamento di stato per eccellenza. Sarà poi in seguito Giulio Cesare con il calendario “Giuliano”, a fare di Januaris (mesi dedicato appunto a Janus) il primo mese del calendario romano. Un mese che rappresenta dunque un cambiamento di stato inteso come un nuovo ciclo che ripercorre le date dell’anno precedente, per affrontarle ciclicamente e rinnovare ciò che le caratterizza. Cerchiamo di spiegarci meglio: una data viene definita “sacra” a seguito di un avvenimento straordinario vissuto sul piano interiore, sperimentale e degno di essere annoverato, cristallizzato il momento esso DEVE essere rivissuto nel corso del tempo per alimentarne la forza e per attingerne la potenza. Non basta il ricordo, non basta l’atteggiamento devozionale; quel momento straordinario va rivissuto da coloro che si approcciano ad un calendario sacro, compreso quindi e riproposto.

Chiaramente all’inizio di una civiltà avremo poche date “degne” di essere annoverate, ma che dovrebbero essere sempre fissate in un calendario. Ripercorrere il ciclo con questi punti fermi per un rinnovato slancio, come una rincorsa per saltare l’ostacolo, pettinare l’intento avendo ripercorso dei fondamenti della nostra civiltà, abbracciare il sentire tradizionale per lanciare il vessillo oltre le linee nemiche e avanzare in riconquista, questo il senso del ritmo, è un allenamento per affrontare in forma coordinata le nuove sfide o, meglio, tentare di superarsi e di superare il ciclo stesso.

Marzio Boni

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here