Roma, 9 feb – Conosco bene Francesco Consiglio. Il suo Le molecole affettuose del lecca-lecca è un testo strepitoso, comicissimo nella sua tragicità, come del resto l’ultima opera, Ammazza la star. È, peraltro, pubblicato da buoni editori, come Baldini&Castoldi e Castelvecchi. Purtroppo, molti si rifiutano di leggerlo perché non allineato. Si tratta chiaramente di un rifiuto pregiudiziale. Sono stato io a pregarlo di venire a scrivere per Pangea.news, perché la sua prosa è davvero strepitosa – basti vedere, oltre gli articoli d’opinione, le interviste ai pianisti classici. Quando l’altro giorno ha affermato in un suo pezzo di trovare simpatico Salvini, la solita manovalanza sinistronza è scesa in campo per dirne peste e corna. Anche chi aveva recensito entusiasticamente i suoi testi ha poi deciso di ritrattare – facendo una figura di merda, nel momento in cui l’autore ha postato il link dai toni encomiastici. Per intenderci, parliamo di gente che ha scritto parole come “La scrittura felice, piena, con un ritmo così naturalmente personale, ci diverte moltissimo. Un bravo all’autore Francesco Consiglio che tra una torta e un bignè ha scritto un libro ironico senza alcuna pietà” e che sono state pubblicate su “La Repubblica”, ovviamente.

Io non ce l’ho fatta a tenermela. Ho reagito con rabbia. Non mi piace chi valuta uno scrittore su base ideologica. E, poi, questi di sinistra mi fanno incazzare. Ogni volta, per pararsi il culo, dicono “Ah, ma io, malgrado le mie posizioni, leggo Céline”. Tutte balle! La verità è che il francese è un classico e nessuno di loro ha le palle, né la preparazione, per criticarlo. Dunque, essendo un autore istituzionalizzato, lo accettano loro malgrado. Houellebecq, invece, lo criticano spietatamente, perché guadagna e, nella loro mente bacata, i soldi sono lo sterco del demonio – a meno che non siano i loro. E se criticano l’autore di Serotonina, figurarsi il povero Francesco.

Matteo Fais

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here