Schermata 2015-05-01 alle 13.38.55Roma, 2 mag – Professione movida. La Roma strozzata dalla crisi è un po’ particolare se vista dalla prospettiva di Oscar Trapani, direttore di una discoteca che a Roma non ha bisogno di presentazioni, il Gilda, e che viene ritenuto nel settore “il direttore più giovane d’Italia”.

Fra calciatori e divi dello spettacolo, esiste una vita notturna parallela, anche se la vita reale finisce poi per bussare alla porta: “Il venerdì vengono stranieri che hanno voglia di divertirsi. La domenica il target della nostra clientela è molto alto. Mi accorgo, tuttavia, che ormai la gente normale esce solo al sabato e quando lo fa ha in tasca 10 15 euro”, dice Oscar.

Pugliese, venuto a Roma a studiare e a cercare un futuro, dopo essersi iscritto a Giurisprudenza si è ritrovato a seguire tutt’altra strada: “Ho iniziato facendo il dj, poi man mano il pr, l’organizzatore e infine il direttore. Oggi posso dire di aver organizzato eventi in tutta Europa.
È da un anno che lo faccio qui, prima l’ho fatto in un locale storico del centro, in via Veneto, l’Open Gate”, spiega.

Nel suo locale non è infrequente vedere i cosiddetti vip. Gente, dice, “che vive in un altro pianeta. Vengono giocatori della Roma, della Lazio, della nazionale di basket, di Schermata 2015-05-01 alle 13.38.08rugby. Frank Matano è un mio caro amico, viene spesso. Qualche settimana fa sono venuti i nazionali di rugby francesi, si sono pure ubriacati…”.

In una città passionale come Roma, gestire certe situazioni non è semplice e a volte c’è da fare i conti anche con l’umore dei tifosi. Lontano dalle luci della notte e dagli eccessi delle star, tuttavia, esiste solo una strada da percorrere: “Non mollare mai. È l’insegnamento che mi hanno dato i miei genitori. Oggi molti si lamentano della situazione, ma nessuno fa niente per cambiare le cose. E invece bisogna stringere i denti, andare avanti, cercare di re-inventarsi. È l’unico modo per restare a galla”.

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here