Roma, 23 mag – Il parmigiano potrebbe diventare francese. Una prospettiva da scongiurare in ogni modo, inimmaginabile fino a poco tempo fa. Dopo le pesanti perdite causate dai prodotti contraffatti, il formaggio italiano più famoso e per mille motivi più simbolico, rischia di finire nelle mani di Lactalis, colosso alimentare transalpino, che sta cercando di acquisire il gruppo Nuova Castelli, ovvero il principale esportatore di Parmigiano Reggiano.

A rivelarlo è Il Sole 24 Ore che spiega come la multinazionale francese, già proprietaria di Parmalat dal 2011, sta provando a reperire dei partner azionari. Da Lactalis per il momento nessuna conferma, ma il classico “no comment” suona proprio come un “si, ci stiamo lavorando”. Ecco allora che dopo essersi aggiudicati i vari Locatelli, Invernizzi, Galbani e Cadermartori, i francesi rischiano di fregarci anche il parmigiano, re incontrastato del made in Italy.

In pratica il fondo Charterhouse Capital, che è entrato cinque anni fa nel capitale di Nuova Castelli e ne detiene l’80% (quindi in gran parte è già controllato da stranieri), sta cercando un nuovo socio con l’aiuto di Rothschild. Come specificato da Il Sole 24 ore, il fondo Charterhouse potrebbe anche puntare alla vendita diretta, evitando quindi di reperire una partnership azionaria.

Il governo italiano batta un colpo

Ma stando sempre alle indiscrezioni del quotidiano economico, oltre a Lactalis tra i concorrenti vi sarebbe anche il gruppo italiano Granarolo. Più un altro fondo di private equity non meglio specificato. Si apre quindi, con tutta probabilità, una gara tra Francia e Italia per l’acquisizione di Nuova Castelli. Inutile dire che sarebbe necessario adesso un intervento diretto e deciso da parte del governo italiano, per evitare di vederci soffiare uno dei prodotti alimentari più importanti per la nostra nazione. Riusciranno i nostri eroi a mettere da parte per un attimo i battibecchi elettorali e a concentrarsi su questioni un tantino fondamentali per la nostra economia?

Alessandro Della Guglia

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here