Roma, 4 dic – C’è una mafia reale. E ne esiste anche una istituzionale. Diversa nei metodi, se non altro per differenziarsi almeno nelle apparenze, capita però spesso che indulga in atteggiamenti simili a quelli degli scagnozzi di Cosa Nostra. È il caso ad esempio di Goldman Sachs.

Non nuova a velate minacce, la banca d’affari ha di recente pubblicato un rapporto sulla manovra economica dell’esecutivo gialloverde. Più che un’analisi, lo studio sembra però un avvertimento. O il primo di una serie. In pieno stile mafioso, anche se senza “classica” coppola e lupara sotto braccio.

Il tema di fondo è sempre quello del deficit, che al pari della Commissione Ue anche Goldman Sachs ritiene eccessivo. Tanto da gettare “una nube scura sullo scenario dei mercati in Europa”. E le cose potrebbero addirittura “dover peggiorare prima di poter vedere un miglioramento”. Parole pesanti, sibilline, che la banca americana non ha probabilmente usato neanche nei momenti più bui della crisi dei subprime.

Niente paura. A rimettere le cose a posto non saranno le trattative con Bruxelles: “I nostri economisti europei – si legge – rimangono scettici nei confronti della capacità delle istituzioni o dell’Ue o degli attori politici italiani per innescare un cambiamento di rotta nell’attuale contesto della politica fiscale”. Chi sarà dunque il cavaliere bianco? Neanche a dirlo: “Piuttosto – spiegano sempre da Goldman Sachs – pensano che un’ulteriore pressione del mercato sia tanto più probabile come catalizzatore per il ritorno alla disciplina fiscale“. In altre parole: se non ci pensate voi, saremo noi a farlo. Analisi indipendente o via libera alla speculazione per ridurci a più miti consigli. Dubbio legittimo. E visto il precedente del 2011, la domanda è tutto tranne che peregrina: missione compiuta?

Filippo Burla

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. La Goldman Sachs è quella multata 600 milioni di dollari negli USA per la produzione criminale di titoli tossici che hanno rovinato centinaia di migliaia di oneste famiglie.Il trucco era produrre titoli spazzatura basati ad esempio su mutui dati a gente senza reddito e quindi impagabili ma farli dare giudizi ottimi dalle società di rating.Queste società che si permettono anche di dare i voti ai governi sono controllate dagli stessi padroni e proprietari delle banche centrali e delle banche, che creano denaro a costo zero ed esentasse schiavizzando e comprandosi con la loro moneta privata interi paesi.Chiunque abbia lottato per avere sovranità monetaria e cioè liberarsi dalla usura è stato messo da parte , eliminato o costretto alla guerra come Mussolini, Assad, Gheddafi e tantissimi altri per cui questa massoneria oligarchica occulta, in contrapposizione alla massoneria democratica, tiene i politici sotto ricatto e terrore esattamente come fà la mafia e quindi il paragone è perfetto.
    Ricordiamoci che Prodi, Draghi, Monti e altri burattini di questi banchieri hanno lavorato per la Goldman Sachs, che si è arricchita enormemente con l’Italia, anche con i derivati miliardari inutili firmati sembra da Draghi e regioni e con circa i 1000 miliardi di lire di immobili dell’ ENI che Draghi gli diede ad …1 lira!Ovviamente la lista degli affari che hanno fatto queste società straniere, alle spalle del popolo italiano e grazie a dei traditori da indagare per alto tradimento, è lunghissima.

  2. tutto vero, ma forse onn siamo noi a renderci continuamente ricattabili continuanndo a prendere denaro in prestito da questa gente? e la soluzione non è stampare denaro, è ridurre la dipendenza dalla finanza in senso assoluto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here