Meridiana MD80Roma, 20 set – Con l’acquisizione, contanti alla mano, del 47% della nuova Alitalia da parte di Etihad, si è aperta una nuova stagione per l’intero settore dell’aviazione civile. L’incursione degli emiratini è stata, probabilmente, stato solo la prima nell’ambito di un riassetto globale.

Dato l’addio alla fu compagnia di bandiera, a finire sotto i riflettori è adesso Meridiana, che con quasi 4 milioni di passeggeri, escludendo le low-cost è la terza realtà in Italia. Il vettore con base in Sardegna sta scontando una importante crisi aziendale: fra piloti, assistenti di volo, personale tecnico e operativo di terra sono 1600 i dipendenti per i quali sono avviate le procedure di messa in mobilità; una flotta non più giovane; un quadro nazionale di infrastrutture fermo ancora all’anno zero; rotte non redditizie. E le ricapitalizzazioni dell’Aga Khan, dominus dell’azienda, non sembrano poter durare all’infinito. Così, si apre ufficialmente l’ennesimo tavolo di crisi.

La soluzione industriale, è facile supporre, non verrà dal governo ma, ancora, dal golfo persico. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe già infatti in dirittura d’arrivo un interessamento da parte della Qatar Airways, i cui dirigenti sono stati avvistati ad Olbia, sede della proprio nei giorni in cui veniva annunciata la mobilità. Lo schema sembra così poter ricalcare quanto già avvenuto con Alitalia – Etihad: “pulizia” della società, alleggerimento della struttura dei costi e risanamento per renderla appetibile prima della cessione.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here