Roma, 18 giu – Purtroppo i dati Istat sull’economia italiana sono spesso negativi. In questo caso però parliamo di cifre che inquadrano una situazione drammatica, che non lascia intravedere oltretutto segnali di miglioramento. L’Istituto nazionale di statistica stima infatti che in Italia vi siano 1,8 milioni di famiglie che vivono in condizioni di povertà assoluta, con un’incidenza pari al 7%, per un numero complessivo di 5 milioni di persone (l’8,4% del totale). Secondo l’Istat, i cui dati si riferiscono al 2018, siamo fermi al livello massimo tristemente raggiunto nel 2005, ma si arresta dopo tre anni la crescita del numero di famiglie in povertà assoluta.

Le famiglie che invece vivono in condizioni di povertà relativa sono poco più di 3 milioni (11,8%), ovvero quasi 9 milioni di persone (15,0% del totale). Numeri in generale spaventosi soprattutto se guardiamo al Mezzogiorno, dove la percentuale di famiglie in povertà assoluta si attesta al 10%, contro il 5,8% del Nord e il 5,3% del Centro. Per quanto riguarda i minori, sono 1 milione e 260 mila a vivere in povertà assoluta (12,6%), con un’incidenza che va dal 10,1% nel Centro fino al 15,7% nel Mezzogiorno, in cui risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2017.

Più giovani, più poveri

Salta poi agli occhi, nel report dell’Istat, il dato riguardante l’età. Mentre infatti nelle famiglie con almeno un anziano l’incidenza di povertà è del 4,9% e scende al 3,2% se consideriamo le coppie in cui l’età della persona di riferimento della famiglia è superiore a 64 anni, il dato nazionale generale è decisamente più alto. Dunque la povertà delle famiglie ha un andamento decrescente all’aumentare dell’età della persona di riferimento. Questo è dovuto al fatto che le famiglie di giovani hanno purtroppo meno capacità di spesa, a causa di vari fattori: disoccupazione, lavori precari, redditi più bassi, minori risparmi accumulati. Se quindi prendiamo la fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni, notiamo che la povertà assoluta riguarda il 10,4% delle famiglie.

Alessandro Della Guglia

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here