birra birra italiaMilano, 19 set – Una crescita del 300% nell’ultimo decennio, con una punta al +28% nei primi sei mesi di quest’anno. Sono queste le cifre, presentate da Coldiretti a Expo, relative alle esportazioni di birra italiana.

Un prodotto che piace e continua a piacere all’estero, segnando un successo ormai consolidato e duraturo. Non poco per un paese che, tradizionalmente, non è produttore di birra – come possono esserlo, a confronto, i paesi nordici ed anglosassoni – ma che segna passi importanti nel settore. E proprio nei confronti dei suddetti si registrano i più elevati tassi di crescita: +37% in Germania, +5% in Svezia e +3% in Gran Bretagna

Sono numerose le varietà di birra prodotte in Italia, soprattutto fra quelle aromatizzate: dalla canapa al carciofo, dalla fruttata a quella al riso, fino alle varietà biologiche. Molte di queste sono prodotte da microbirrifici che hanno visto un incremento numerico straordinario: dai 30 che erano meno di dieci anni fa, ad oggi se ne contano oltre 600. Una realtà composita ed in continuo divenire e che, stanti i consumi pro-capite che in Italia rimangono attorno ai 29 litri l’anno rispetto agli oltre 140 della Repubblica Ceca o ai 108 dell’Austria, trova nell’export il canale preferito per la penetrazione sul mercato.

“Oltre a contribuire all’economia la birra artigianale rappresenta anche una forte spinta all’occupazione soprattutto tra gli under 35 che sono i più attivi nel settore con profonde innovazioni che vanno dalla certificazione dell’origine a chilometri zero al legame diretto con le aziende agricole ma anche la produzione di specialità altamente distintive o forme distributive innovative come i brewpub o i mercati degli agricoltori”, spiega Coldiretti nel suo dossier.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here