zara turchia protestaIstanbul, 7 nov – Un piccolo cartoncino marrone con una scritta gialla, in turco. Il tutto nascosto nelle tasche di giacche, camicie e pantaloni o messo proprio di fianco alle etichette dei vestiti in vendita nei negozi di Istanbul del colosso spagnolo Zara: “Ho fatto io questo capo d’abbigliamento che stai comprando, ma non sono stato pagato per farlo“, si legge. È così che i dipendenti di un’azienda tessile dell’indotto della multinazionale iberica denunciano le condizioni di lavoro alle quali sono sottoposti.

L’azienda in questione è la Bravo Tekstil, che per Zara produceva in appalto numerosi capi d’abbigliamento. Nel giro di una notte, un anno fa, la società ha deciso di chiudere, lasciando i lavoratori senza gli ultimi tre mesi di stipendio e numerose altre indennità che non sono mai state corrisposte.

“Inditex (Industrias de Diseño Textil Sociedad Anónima, la capogruppo che oltre a Zara controlla anche altri marchi, ndr) ha soddisfatto tutti i suoi obblighi contrattuali verso la Bravo Textil e sta lavorando al momento con la IndustriALL affiliate, Mango e Next per creare un fondo pensato per i lavoratori danneggiati dalla Bravo. Questo fondo coprirà gli stipendi, le indennità, le ferie e altri pagamenti di cui i dipendenti non hanno usufruito”, spiega la società in una nota.

Non è la prima volta che Zara finisce nell’occhio del ciclone. Pochi mesi fa un acquirente aveva trovato un topo cucito all’interno di un abito acquistato negli Usa: il caso era finito davanti alla Corte Suprema e aveva sollevato sospetti sulle condizioni igieniche delle fabbriche alle quali è stato esternalizzato il lavoro. Molte di queste si trovano proprio in Turchia. Una nazione in cui le denunce di sfruttamento sono all’ordine del giorno: dal lavoro minorile ai danni ambientali, passando per gli abusi a danno dei profughi siriani, costretti in assenza di alternative ad accettare condizioni vicine allo schiavismo.

Filippo Burla

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here