Roma, 11 nov – A che punto può arrivare l’allucinazione europeista? Se da allucinazione passa a dipendenza, diventa euroinomane. E riesce a scadere perfino nella negazione dei più basilari elementi di politica economica. È il caso del Corriere della Sera, che in un editoriale di ieri arriva perfino a negare che la piena occupazione sia un elemento positivo.

“La piena occupazione? Nella Gran Bretagna post Brexit è un problema”: questo il delirante titolo dell’editoriale interno, a firma di Luigi Ippolito. A Londra e dintorni, dopo il referendum sulla Brexit, l’economia gode di una salute mai vista negli ultimi anni. Tanto che la disoccupazione è scesa al di sotto del 4%, che termini statistici si può approssimare quasi a zero. “Una buona notizia?”, si chiede Ippolito, “Fino ad un certo punto, perchè molte industrie ora stanno facendo fatica a trovare dipendenti e questo spinge verso l’alto i salari, intaccando i profitti delle aziende”. Quella che dovrebbe essere una normale, positiva e virtuosa dinamica di un’economia in salute, diventa “un meccanismo – testuali parole – perverso”.

Il motivo? Alzare barriere adesso, secondo l’editorialista, rischia di non far più trovare lavoratori disposti a fare camerieri, lavapiatti, manovali o parrucchieri a basso costo. Insomma, la piena occupazione della Gran Bretagna post Brexit – che per inciso non c’è ancora stata e non è detto si concretizzerà nel modo peggiore – fa crescere salari e non offre più il fianco a spazi di potenzialr sfruttamento. Anzi, genera redditi e quindi ricchezza che si distribuisce nel miglior modo possibile: tramite gli stipendi dei lavoratori dipendenti. Ma forse Ippolito preferisce il modello italiano con la disoccupazione stabilmente in doppia cifra e quella giovanile al di sopra del 30%. D’altronde bisogna pur tutelare i profitti delle imprese, no?

Filippo Burla

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. Questo è un argomento fondamentale! Dovrebbe essere uno dei piu’ importanti argomenti da sostenere per una formazione politica che abbia a cuore le sorti del suo popolo.

  2. Quale è la meraviglia?
    Sono decenni che si lavora alcremente alla restaurazione dell’oligarchia ottocentesca.
    La moneta unica, la globalizzazione (che consente di fuggire alle eventuali politiche nazionali) e l’importazione in massa di trogloditi a caccia di oggetti di consumo, a cos’altro sono serviti se non ha far retrocedere verso la miseria e l’impotenza quella massa di popolazione detta borghesia, che reclamava diritti sociali e ascensore sociale? Piuttosto iniziamo ad organizzare piani di boicottaggio, se non vogliamo ritrovarci come i plebei di due secoli fa. È già tardi, ma iniziamo ad agire, anche nel quotidiano, e svegliamo chi ancora dorme

  3. Marcello Nicolella.Se a le aziende vogliono 20 lavoratori basta inserire annunci su portali di mobilita internazionale ( vedi Eures) o pagare alla gente autoctona il giusto stipendio. Magari il problema fosse questo…che ce troppo lavoro..qua la gente sta facendo la fame…svegliaaa!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here