Pil Italia terzo trimestre
Terzo trimestre: Pil al di sotto delle aspettative ad un magro +0.2%

Roma, 13 nov – I dati dei primi due trimestri erano stati, a loro modo, incoraggianti. Il terzo trimestre si chiude invece con qualche preoccupazione in più. La ripresa c’è, al momento non si può dire altrimenti. Ma di che tipo?

Italia: Pil terzo trimestre sotto le attese

Secondo i dati appena comunicati dall’Istat, le stime preliminari sul Pil hanno segno positivo a +0.2% rispetto al periodo precedente, ma progressivamente in calo e comunque al di sotto delle aspettative. Fra gennaio e marzo si era sfiorato il mezzo punto percentuale, nel trimestre successivo una piccola contrazione a +0.3%, fino all’attuale terzo quarto dell’anno dove le speranze vengono ridimensionate.

L’aumento rispetto al 2014 è del +0.9%, cifra che gli analisti stimano possa valere per l’interno 2015. Questione di decimali comunque, quando in realtà servirebbero numeri molto più corposi per parlare di vera e propria ripresa e ricominciare il recupero del tanto terreno perso in questi anni.

Domanda estera in calo

A pesare, così come nel caso della Germania, è anche per l’Italia il calo della domanda estera, compensata non a sufficienza da quella interna pur in aumento. “Dal lato della domanda – spiegano infatti dall’Istat – vi è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e uno negativo della componente estera netta”.

Il fatto di scontare le stesse problematiche della (fu?) locomotiva d’Europa porta ad alcune necessarie considerazioni. Anzitutto: l’aver investito sull’austerità e sulla svalutazione interna, come Berlino, sta pagando? Forse in termini di conti nazionali, ma aver compromesso la domanda interna – che cresce solo perché giunta al fondo del barile non può far altro che tentare di risalire – ha creato problemi che sconteremo in futuro. In secondo luogo, il Quantitative Easing lanciato da Draghi a marzo che effetti sta avendo? Per ora nulli, o almeno non commisurati all’impegno profuso. D’altronde, le banche ricominciano a prestare e a far girare l’economia solo quando le imprese ricominciano a chiedere prestiti. Ma, finché la domanda resterà al palo, non saranno modifiche allo Statuto dei Lavoratori o decontribuzioni ad invogliarle.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here