La capacità d’acquisto delle famiglia italiane è stabile, se non aumentata. Questo quanto viene propagandato in queste settimane. Eppure, a ragionare sui dati disponibili, si nota che questa nuova inflazione registrata nel 2017 non ha aumentato la fiducia dei consumatori. Ancora molto ponderati gli acquisti delle famiglie, di quelle che se li possono permettere. Purtroppo però è in deciso aumento la soglia di povertà delle famiglie più provate dalla crisi. Ma chi sono queste famiglie?

Sono quelle, soprattutto monoreddito, dove chi lavorava ha perso il lavoro e non riesce a trovarne un altro. Si innesca così un meccanismo difficile da rompere. Chi non ha denaro si indebita e chi si indebita rischia di perdere anche il poco che ha. In tanti hanno inoltrato una richiesta prestito online Zonaprestiti.com o portali simili, con la speranza di ottenere quanto sufficiente per tirare avanti fino a che le cose non si sarebbero sistemate. Ma per molti questo periodo non è mai arrivato. Il periodo di sforzo economico non si è concluso nel giro di qualche mese, o qualche anno, ma è diventata la condizione definitiva per molte famiglie.

E lo Stato? Ovviamente se non è assente fa danno, come nel caso della famiglia napoletana che non poteva permettersi di avere una casa e di dare un tetto ai propri figli. In questo caso è stato molto più facile togliere i figli a una madre invece che dare un aiuto economico o un tetto alla famiglia. E questo è uno dei tristi paradossi di un Governo che ti incita a fare figli con campagne discutibili sulla fertilità. Difficile fare figli se poi rischi che te li tolgano, o se per il tuo stato di gravidanza ti licenziano dal lavoro.

Questo è il poco allegro quadro delle famiglie italiane in questo momento, mentre la condizione politica è al collasso, incerta più che mai, mentre le TV continuano all’unisono a ripetere che tutto va bene, ci sono tante famiglie che hanno già perso la casa, unico valore e status symbol della famiglia tricolore, e vivono in un’auto, chi ha la fortuna di averla. Difficile la vita anche per le famiglie di anziani dove non c’è una pensione d’oro, ma qualche centinaio di euro da dividere anche con la famiglia dei figli, figli che hanno perso il lavoro o che non sono mai riusciti a trovarlo.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here