Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 set – Pochi mesi fa la Tanzania è diventata una nazione a medio reddito e una delle ragioni di questo importante risultato è legata all’impegno di imprenditori locali che hanno puntato alla produzione e commercializzazione di prodotti agricoli ad alto valore aggiunto. Tra questi è sicuramente degno di nota Frank Msigwa.

Msigwa ha creato un’impresa, la Frank Horticulture, che si occupa di esportazioni di avocado, frutto che di recente ha raggiunto quotazioni elevate in quanto altamente ricercato sui mercati. L’impresa opera nella regione di Njombe, situata nel sud-est della Tanzania e caratterizzata dalla presenza di colline fertili e fresche, perfette per la coltivazione di avocado.

“L’oro verde della Tanzania”

Per capire l’importanza di quello che molti definiscono l’oro verde della Tanzania basta pensare che fino a sette anni fa nessuno lo coltivava ma adesso, stante la forte domanda, molti agricoltori hanno deciso di investire in queste piantagioni: la quantità prodotta è talmente alta che la Tanzania è diventata il terzo produttore di avocado dell’Africa (prima vengono Sudafrica e Kenya).
A differenza di tanti produttori locali, alle prese con non pochi problemi per vendere oltreconfine, Frank Horticulture esporta parecchio non solo in Kenya ma anche in altre nazioni che fanno parte della East African Community. Ciò è dovuto al fatto che la società punta a formare gli agricoltori verso produzioni di qualità che rispettino rigidi standard sanitari e possano ottenere certificazioni internazionali, tanto che per questo impegno ha ricevuto il supporto da parte dell’Unione Europea.
L’anno scorso sono stati cinquecento i contadini della regione di Njombe che hanno ricevuto assistenza tecnica, ma quest’anno il loro numero è aumentato a cinquemila, con l’obiettivo di ottenere la certificazione GAP che gli permetterebbe di esportare anche in Europa. Grazie all’incremento dell’export, Frank Horticulture ha potuto investire parte dei profitti per costruire un impianto di imballaggio, così da preservare l’ormai prezioso (per l’economia della Tanzania) frutto per periodi più lunghi.
Giuseppe De Santis

Commenta