Home Approfondimenti Si licenzia per fare il “cane” su OnlyFans: “Seguo il mio sogno...

Si licenzia per fare il “cane” su OnlyFans: “Seguo il mio sogno e guadagno tantissimo”

5
cane onlyfans


Austin, Texas, 18 giu — Un tempo si sarebbe detto che le crisi economiche aguzzano l’ingegno e la capacità di adattarsi dei lavoratori, ma nel caso della giovane Jenna Philips, una ragazza di Austin, Texas, di 21 anni, sembra esserci sotto ben altro. Jenna infatti aveva una occupazione stabile, quella di optometrista, ma ha deciso di lasciarla per — a suo dire — realizzare il sogno di una vita: essere un cane su OnlyFans, piattaforma divenuta epicentro mondiale della pornografia amatoriale e dell’esibizionismo erotico. Il meccanismo alla base del social è elementare: si apre un proprio account, si postano foto e video e quando gli utenti pagano hanno accesso ai materiali più piccanti o addirittura a contenuti personalizzati.

Jenna e il sogno di essere cane su Onlyfans

Quella di Jenna sembra essere una scelta non solo dettata dal profitto e dallo sbarcare il lunario ma anche da una autentica passione. Dichiara infatti: «Mi sento un cane. Voglio solo rotolarmi, giocare a prendere, grattarmi la testa, correre e giocare. Tutto questo. Mi sono sempre comportata come un cucciolo, ma non in modo sessuale all’inizio. Amo davvero gli elogi. Mi piace sentirmi dire “brava ragazza”. Mi fa sciogliere il cuore ogni volta». Jenna non pensava che la sua passione potesse essere condivisa. «Non sapevo che ci fosse una scena, pensavo solo che fosse la mia personalità. Quando si tratta di giocare con gli animali domestici, la maggior parte delle ragazze fa gattini, volpi o conigli e la maggior parte dei cuccioli sono uomini. Ci ho pensato a lungo quando ho iniziato a giocare con gli animali domestici. Mi sento un cane quindi è quello che ho deciso di essere».


 

Per  quanto possa essere una passione che rimonta all’infanzia, il risvolto commerciale del fare il cane su OnlyFans non è da disdegnare. E infatti Jenna fa un ragionamento da perfetta imprenditrice. «Ho pensato: al diavolo, perché non creare un mercato? So che c’è una domanda, quindi perché non fornire l’offerta? Ora è il mio lavoro a tempo pieno. Le mie entrate sono aumentate di 100 volte. Guadagno cifre da sei zeri al mese», dichiara. L’iscrizione al suo canale costa venti dollari, ma pagando cifre maggiori si possono ottenere performance personalizzate. Non solo: a quanto pare, un utente le avrebbe commissionato un video da 1200 dollari. A questo punto viene solo da chiedersi se Jenna continui a rivolgersi a un medico o preferisca, per rimanere nella parte, andare dal veterinario.

Cristina Gauri



La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Premesso che costei possa fare tutt’al più la cagna e non il cane,
    a me sembra che non faccia né la cagna né il cane.

Commenta