New Delhi, 15 – Dopo la notizia della revoca, da parte del capo del governo Narendra Modi, dello status di autonomia allo stato del Kashmir la tensione con il vicino Pakistan si era già fatta palpabile. La decisione del governo indiano punterebbe a mettere sotto un maggior controllo questa regione, a maggioranza musulmana e confinante con il Pakistan e spesso da questo stato rivendicata come propria. Adesso le ostilità si sono rese manifeste: ci sono già stati i primi scontri a fuoco tra le truppe indiane e quelle pakistane. In questi scontri hanno perso la vita tre soldati pakistani e cinque indiani.

Kahn (Pakistan): “Lotteremo fino alla fine”

Soffiano dunque venti di guerra tra i due Paesi che da sempre si sono combattuti per il possesso del territorio del Kashmir, nel quale vive una popolazione a maggioranza musulmana. E sebbene l’India abbia un esercito in grado di superare per numeri e per armamenti quello pakistano, le dichiarazioni di Imran Khan, premier di Islamabad, non lasciano adito a dubbi: dichiara che combatterà “fino alla fine”.

I missili nucleari


Sia l’India che il Pakistan sono in possesso di  missili balistici che a loro volta possono essere dotati di armi nucleari. Il governo di New Delhi ha nove tipi di missili operativi. Il Pakistan ha investito nel proprio programma missilistico con un grande aiuto da parte del governo cinese; le armi di cui è dotato,  a corto e medio raggio, in potenza possono raggiungere qualsiasi parte dell’India. Sempre partendo dal presupposto che il Pakistan è difeso da un esercito di dimensioni ridotte rispetto a quello indiano, è tuttavia in possesso di 140 o forse 150 testate nucleari. L’India, invece, ne possiederebbe 130 o 140.

La riunione del Consiglio di sicurezza Onu

Sul conflitto che vede l’India e il Pakistan contendersi il  Kashmir aleggia dunque l’inquietante ombra di un conflitto nucleare. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite ha annunciato oggi che si riunirà a porte chiuse per esaminare con urgenza la situazione del Kashmir.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here