ribelli SiriaDamasco, 26 set – Erano stati addestrati in Turchia, con gran impiego di risorse e grandi aspettative. L’obiettivo era quello di spalleggiare la (sedicente) opposizione “moderata” al legittimo governo di Bashar al-Assad, ma il tutto si è risolto in uno smacco, che indirettamente aiuta invece i terroristi legati ad Al-Qaeda.

A rivelarlo è Patrick Ryder, portavoce del comando Usa della regione, il Centcom. Secondo l’ufficiale, almeno 70 ribelli erano pronti ad entrare in Siria dopo aver concluso l’addestramento ed essere stati armati a carico dei contribuenti americani. Al primo contatto con i fondamentalisti di Jabhat al-Nusra, tuttavia, le velleità di opposizione al governo siriano sono evaporate istantaneamente, traducendosi in una specie di resa senza condizioni. “Gli hanno consegnato almeno il 25% del loro equipaggiamento“, spiega Ryder, specificando che si tratta di sei pick-up con mitragliatrici pesanti e relative munizioni.


LEGGI ANCHE – I “ribelli siriani” protestano: “Non vogliamo combattere contro Al Qaeda”

La notizia è l’ennesimo fiasco del coinvolgimento americano in Siria. Nonostante i 500 milioni di dollari investiti nel progetto, i risultati sono a dir poco fallimentari. Prima le rivelazioni sulla scarsissima efficienza dei programmi di addestramento, ora la consegna armi e bagagli dei poco (ed evidentemente male) formati miliziani agli jihadisti. Nel frattempo, senza troppi scossoni, la strategia della Russia procede invece spedita..

Roberto Derta

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here