Roma, 28 giu – Le elezioni comunali dello scorso fine settimana sono rivelative. E meritano un pur cursorio commento, senza pretese di esaustività. In primo luogo, esse segnano la prosecuzione della tendenza estrinsecatasi il 4 marzo scorso: non vince la destra, non vince la sinistra, ma vince il basso contro l’alto.  V’è, certo, chi inappropriatamente continua a parlare di «onda nera». In realtà, è l’onda del popolo contro l’élite mondialista, del basso contro l’alto, del Servo contro il Signore. L’onda del risveglio del popolo precarizzato, della massa nazionale-popolare schiacciata dai dispositivi mortiferi della globalizzazione e del mercato deregolamentato, della tecnocrazia eurocratica e dell’efficiente dominio post-democratico dell’aristocrazia finanziaria. Questo, e soltanto questo, è il punto.

Dei molteplici commenti apparsi, tutti in stile lamentoso e mai autoaccusatorio, voglio qui rammentarne uno soltanto. Così ha scritto Giannini, sulle colonne del rotocalco di salda fede mondialista La Repubblica, vero e proprio Osservatore Romano della mondializzazione classista no border: «L’onda nera sfonda gli argini, l’Italia rossa non c’è più». Il commento è esemplare: racchiude tutto il non senso entro cui si muove la falange delle sinistre mondialiste. Tutto ciò che non è allineato con il paradigma egemonico è diffamato dalla neolingua come onda nera, come ritorno dei nazifascismi eterni, insomma come colpa inespiabile del rozzo popolo populista e xenofobo, incapace di apprezzare le meraviglie della globalizzazione.

Per inciso, mi permetto di ricordare a Giannini – qualora gli fosse sfuggito – che l’«Italia rossa» non c’era più da un pezzo: almeno da quando le sinistre arcobaleno e fucsia avevano tradito Marx e Gramsci per diventare baluardi di difesa del capitale. Almeno da quando esse si battevano in nome delle liberalizzazioni e delle privatizzazioni, dei bombardamenti umanitari atlantisti e delle «riforme» a beneficio esclusivo dei dominanti e a nocumento altrettanto esclusivo dei lavoratori. Emblematico, a tal riguardo, il caso di Terni, la Leningrado del centro Italia. Città che ora non è in mano alle forze populiste: e non solo per l’altissimo profilo di Leonardo Latini, nuovo sindaco e uomo dalla grande cultura, ma anche per via dell’acquisita consapevolezza dei lavoratori. Consapevolezza, esatto: del fatto che il tradimento delle sinistre era compiuto. Insomma, cari amici delle sinistre arcobaleno e glamour, speriamo che la batosta vi giovi. Vedete cosa accade, alla fine, a odiare il popolo e i lavoratori? A difendere solo gli interessi del capitale mondialista?

Diego Fusaro

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Tutte le volte che parla giannini mi sale il reflusso e il rigurgito gastro esofageo…….. È un ignobile arrogante sinistro che dall’alto della sua prosopopea piddina si erge a censore degli ultimi,gli stessi poveri sudditi italiani che pagano e lavorano per mantenere questi intellettuali parassiti, opinionisti del niente e del nulla……..ci stia lui nella periferie, fogne e cloache africane, dove spaccio, delinquenza e luridume sono all’ordine del giorno……. Ci vada e ci resti. Auguri.

  2. Chi ha voglia puo’ leggere un articolo, se cosi si puo’ definire ma forse meglio dire breve scritto, di Diego Fusaro sul Fatto Quotidiano che ha per argomento l’Erasmus e la volontà di sradicare che dietro risiede.
    Ecco una frase: “Rapinate del proprio futuro, le nuove generazioni a capitalismo integrale sono volgarmente felici nel loro stesso disagio; ”
    ps Giannini è terribile, ma come sappiamo non c’è limite al peggio che infatti c’è …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here