Porto Torres, 3 gen – L’amministrazione del comune sardo di Porto Torres decide di affidarsi ad Equitalia per il recupero delle imposte non corrisposte relative alla tassa sugli immobili (ICI) nel periodo 2006-2011, in totale circa 524mila euro. Ricordiamo che già dal 2012, in seguito alle numerose polemiche relative all’operato di Equitalia, i Comuni non sono più obbligati ad affidarsi all’ente di riscossione dell’Agenzia delle Entrate ma possono gestire il recupero crediti in modo autonomo mediante i propri uffici legali oppure appoggiandosi ad una società esterna.

5Stelle Porto TorresLa decisione comunque risulta ancora più strana e controversa perché a prenderla è stato un Sindaco eletto con il Movimento 5 Stelle, Sean Christian Wheeler, che nel suo programma elettorale diceva esattamente il contrario! Infatti il punto numero 8 nella sezione ‘Nessuno deve rimanere indietro’ del programma ufficiale della lista M5S per Porto Torres (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/portotorres/programma.html) dice chiaramente: “NO categorico ad Equitalia, con la riscossione diretta dei tributi senza intermediari esterni”.

La questione ovviamente non è passata inosservata suscitando forti polemiche. Un consigliere comunale di opposizione, Alessandro Carta della lista ‘Autonomia Popolare’, ha chiesto di riferire in consiglio le motivazioni di tale decisione ritenuta “in netto contrasto con gli impegni presi, soprattutto perché la città ha condiviso votando il programma del M5S e dopo questo fatto sono state tradite le aspettative […] è inaccettabile che sindaco e amministrazione siano venuti meno all’impegno con i cittadini, molti dei quali messi in ginocchio anche dall’atteggiamento della società di riscossione e ora traditi da inequivocabili affermazioni di carattere elettorale”.

Il primo cittadino pentastellato Sean Christian Wheeler è originario degli Stati Uniti, nato in Arkansan, ma sembra che abbia imparato velocemente le peggiori abitudini dei politici di casa nostra. Non è infatti la prima volta che contraddice palesemente il proprio programma elettorale. Già a settembre era stato oggetto di critiche per aver dato via libera ad esercitazioni con razzi ‘Vega’, utilizzati per trasportare sonde nello spazio, nell’area industriale Syndial, una delle zone più inquinate della Sardegna, dopo averne promesso in campagna elettorale una completa bonifica ambientale. Anche Porto Torres si aggiunge quindi all’elenco dei fallimenti nelle amministrazioni comunali targate 5 Stelle, alle prese con espulsioni (Gela), infiltrazioni camorristiche (Quarto), ‘parentopoli’ (Bagheria e Ragusa), problemi di bilancio (Civitavecchia) e contestazioni popolari (Parma e Livorno).

Lorenzo Berti

Commenti

commenti

8 Commenti

  1. Beh, se la notizie è vera (ma non ho dubbi vista la serietà del Primato nazionale) il Sardo-Americano sta imitando e anche bene il compianto Albertone Sordi protagonista dell’ ormai mitico film “Un americano a Roma”.
    Credo spetti a noi cantargli, tutti insieme, la canzone che recita…: “e vai…e vai…”

  2. Se è vero e non ha scusanti valide, deve essere messo sul primo gommone e rispedito in america.
    Non possiamo permetterci che qualcuno ci sputtani.

  3. Visionato l’articolo è plausibile che il commento risulti di parte Renziana in quanto si basa solo su accuse che agli occhi dell’opinione pubblica suscita rabbia..questo in sostanza è una tecnica studiata a doc per mettere in cattiva luce il M5S

  4. Con la determinazione generale dell’area tributaria del 23 dicembre 2015 l’amministrazione comunale ha affidato ad Equitalia il recupero delle somme relative all´imposta comunale sugli immobili IMU e TASI in riferimento al periodo 2006-2011.
    Tutto il resto son chiacchere.
    Magari ha fatto pure bene a patto di non scassare i marroni con equitalia mai

  5. RECUPERO CREDITI, I CHIARIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
    “Non sono stati né il sindaco, né l’amministrazione comunale M5S ad affidare a Equitalia il recupero coatto dei crediti del comune di Porto Torres. L’atto relativo alla riscossione delle mancate entrate è stato firmato con urgenza dal dirigente del Settore Finanziario, perché si tratta di omessi versamenti per gli anni passati, quelli compresi tra il 2006 e il 2011. La riscossione coattiva arriva in seguito a diversi solleciti di pagamento emessi dal comune di Porto Torres, che si occupa della riscossione diretta dei tributi, i quali stavano per cadere in prescrizione. Gli uffici del Settore Finanziario ci hanno comunicato che l’avvio di questa procedura era necessaria per evitare un’indagine da parte della Corte dei Conti con il rischio di condanna all’ente per danno erariale”. Così il sindaco Sean Wheeler in merito all’affidamento a Equitalia delle attività di recupero di una piccola parte dei tributi evasi
    da parte del dirigente.

    “Il MoVimento – aggiunge – com’è noto, ha da tempo presentato una legge per l’abolizione di Equitalia e ha dato vita a Punti di Ascolto in tutto il Paese, di cui uno in Sardegna, mentre il Governo, da ultimo anche nel decreto ‘Milleproroghe’, continua a sostenere l’ente. Inoltre – aggiunge il sindaco Wheeler – il Comune di Porto Torres orgogliosamente riscuote le proprie tasse senza ricorrere ad Equitalia.

    “Nei prossimi giorni incontrerò personalmente – dichiara il Sindaco – diversi esperti con il fine di evitare di affidare ad Equitalia anche questa parte di riscossione dei tributi compresi tra il 2006 ed il 2011. A prescindere da questo, si sta predisponendo una gara per la selezione della società che dovrà effettuare d’ora in poi il recupero dei crediti.”

  6. certamente non fa una bella impressione che un sindaco 5 stelle si rivolga a equitalia dopo aver dichiarato alle elezioni “no categorico a equitalia”. qui la questione andrebbe rivista: caro sindaco wheeler, è indiscutibile che le tasse non pagate anni fa vanno riscosse affinchè non cadano in prescrizione ma, era proprio necessario rivolgersi a equitalia ???? non c’erano altre strade perseguibili senza sputtanare il movimento ???? se sei in tempo a salvarti almeno in parte la faccia dai macchina indietro e rivolgiti a chiunque per ricuperare i crediti dovuti ma non a equitalia che è una società invisa a tutti gli italiani !!! con questa azione hai buttato fango sul movimento e i nostri avversari non aspettano altro che questi stupidi scivoloni. staremo a vedere come reagirà il movimento…..

  7. Perchè mettersi contro il m5s?Stiamo con esso per la tenacia(condivisibile) di voler vincere per ridiventare liberi e di pensiero e in azione specie quando si tratta di sovranità popolare.Quindi cari eletti non dovete essere bugiardi quando entrate nel cuore del MoVimento,non dovete mai mentire,poichè rovinate tutte le persone che vogliono il cambiamento ,e lo stanno facendo con eleganza pregna di onestà.Per me caro sindaco avendo fatto questa maledetta azione deve essere maledetto e scappare dal Movimento chiedendo scusa a coloro ai quali avevi dato la fiducia.Quindi vattene e non interessarti alla politica in quanto rovineresti i tuoi amici buttandoli nel fango e tu rimarresti a galla,però nel fango medesimo che hai creato e vertamente ti farà morire presto poichè trattasi di un fango da te creato pregno di malefiche e scoppiettanti brutture che ti conducono all’inferno.Ecco cosa si merita quando una persona che si avvicina al m5s: raggiungere i luoghi più infimi dell’inferno e poi morire di asfissia perchè è l’anticamera della guerra,mentre il m5s vuole la pace e con essa una comunità che altri hanno raggiunto e perseguito sempre in quanto rivelatrice di amore,di benessere,di pace locale e mondiale.Sarai dal m5s ripreso se subito ritiri ciò che hai fatto e dopo aver chiesto scusa a non farlo più potrai ripartecipare dopo un anno se dimostrerai che veramente ti sei pentito.ciao per il momento vai all’inferno dei dannati poi si vedrà.DIMASI FRANCO di ANZIO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here