Catania, 21 mar – Il tribunale dei ministri di Catania ha disposto l’archiviazione di eventuali ipotesi di reato commesse dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dal vicepremier Luigi Di Maio e dal ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, per la vicenda della nave Diciotti. A richiederla al collegio, il mese scorso, era stata la procura di Catania dopo che la giunta per le immunità del Senato le aveva trasmesso gli atti che riguardavano l’autorizzazione a procedere per il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Allegate alla memoria difensiva del leader della Lega c’erano le note a firma del premier e degli altri due ministri nelle quali i tre affermavano che la decisione di tenere ferma per cinque giorni nel porto di Catania la nave Diciotti della Guardia costiera con 177 immigrati a bordo, nell’agosto scorso, fu presa in maniera collegiale dal governo e non soltanto dal ministro dell’Interno.

Il provvedimento di archiviazione è stato adottato alcuni giorni fa, quindi prima del voto con cui ieri il Senato ha negato l’autorizzazione a procedere per Salvini, e sarebbe già stato notificato al premier Conte, a Di Maio e Toninelli.

Il collegio che ha deciso le tre archiviazioni è lo stesso che in febbraio aveva invece chiesto l’autorizzazione a procedere per Salvini, per il reato di sequestro di persona aggravato e abuso di potere.
Ora la vicenda si può dire chiusa.

Ludovica Colli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here