Roma, 19 feb – La Giunta per le Immunità del Senato ha detto no. La richiesta del Tribunale dei ministri di Catania di poter processare il ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla vicenda della nave Diciotti è stata così respinta, in attesa che il dossier passi poi all’esame dell’Aula di Palazzo Madama, che dovrà votare entro il 24 marzo per ratificare o contraddire la votazione di oggi. I voti favore della proposta del presidente della Giunta Maurizio Gasparri di dire no all’autorizzazione sono risultati 16 a fronte di 6 favorevoli al processo.

Numeri che attestano come la maggioranza abbia votato compatta e abbia ricevuto l’appoggio di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Autonomie. Il sì al processo è arrivato soltanto dai quatro componenti del Pd, da Pietro Grasso (LeU) e dall’ex pentastellato Gregorio De Falco (Misto). Terminate la votazione, i senatori del Pd hanno iniziato a protestare nel cortile del palazzo gridando: “Vergogna e onestà. Giarrusso vergogna”.

Urla rivolte, in particolare, al Cinque Stelle Mario Michele Giarrusso che ha replicato duramente: “Mio padre e mia madre sono regolarmente a casa: altri sono ai domiciliari. E poi sono loro che parlano di onestà”. Dopo il chiaro riferimento ai genitori di Renzi finiti ieri agli arresti domiciliari, Giarrusso ha fatto il gesto delle manette in stile Tangentopoli: “Sono loro che dovrebbero vergognarsi per quello che hanno fatto loro e i loro parenti per distruggere l’Italia”, ha dichiarato ai cronisti puntando il dito contro i senatori del Partito Democratico.

Fratture tra i Cinque Stelle

Le polemiche sulla vicenda, con tutta evidenza, sono però destinate a gonfiarsi nei prossimi giorni. E in casa M5S sembra proprio non filare tutto liscio: “Con questo voto il movimento ha perso una parte della sua natura, dal punto di vista elettorale dovrebbe costare caro. Nella mia bolla di percezione il dissenso è ampissimo”, ha dichiarato la senatrice Paola Nugnes, una delle voci maggiormente critiche tra i Cinque Stelle.

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here