Roma, 12 lug – Governo ai ferri corti sul decreto Sicurezza bis, con i due vicepremier che si scambiano minacce e accuse. Da un lato, c’è l’ennesimo aut aut del vicepremier Matteo Salvini:O passa questo testo o è un problema grosso per il governo“, è il suo ultimatum. “O ci sono questi emendamenti o non si va avanti“. “È una questione di principio”. Dall’altro, c’è l’altro vicepremier Luigi Di Maio che accusa: “Non si cerchino pretesti per far cadere il governo, sono pronto a incontrare le forze di polizia e le rappresentanze sindacali per spiegare loro la verità sugli emendamenti al dl Sicurezza bis. Conta la verità, non la propaganda. Invierò un invito formale in queste ore”.

M5S: “Emendamenti respinti hanno anche la nostra firma”

Non capiamo perché Salvini continui a dire sciocchezze e falsità riguardo agli emendamenti sul dl sicurezza bis. Facciamo un attimo chiarezza. Gli emendamenti respinti, di cui parla Salvini, hanno anche la nostra firma. E questo Salvini lo sa bene” e “capiamo l’esigenze meramente propagandistiche, capiamo il problema dei finanziamenti dei fondi oscuri, ma dalla Lega ci aspettiamo sincerità. Dovrebbero dire sempre la verità ai cittadini. Punto”. Così il M5S in un post in cui indica l’emendamento sugli straordinari dei vigili del fuoco a riprova del comune accordo con la Lega.

“Basta attacchi alle Camere: gli emendamenti al decreto Sicurezza, firmati anche dal M5S, vengono vagliati come da prassi e alcuni sono già stati riammessi. Salvini lo sa – ribadisce il ministro pentastellato per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro – lavori alla riformulazione dei testi invece di fare la vittima. Noi siamo al fianco delle forze dell’ordine.

L’emendamento sugli straordinari dei Vigili del fuoco

L’emendamento a firma dei deputati del M5S e della Lega sugli straordinari dei Vigili del fuoco è pronto per essere depositato. Le ore annue di straordinario vengono elevate dal 2019 a 340mila. L’aumento del monte ore ha un costo di 1,91 milioni.

Fico riammette alcuni emendamenti

Dopo l’ennesimo scontro tra Lega e M5s Il presidente della Camera Roberto Fico ha risposto ai ricorsi sugli emendamenti al Sicurezza Bis, con una lettera inviata ai presidenti delle commissioni competenti alla Camera: sono stati riammessi tutti quelli che riguardano la Polizia di stato e il ministero dell’Interno. Confermata invece l’inammissibilità delle norme su Vigili del fuoco e Polizia locale, che possono essere inserite nel ddl sulla Polizia locale approvato ieri dal Cdm.

Su diversi fronti, nel M5S ci sono mal di pancia nei confronti dell’alleato leghista. Chissà che Di Maio non sia tentato di non cedere all’ennesimo ultimatum di Salvini e mandare il Paese alle urne (la finestra temporale per poter indire nuove elezioni per poter formare un governo in tempo per rispettare le scadenze Ue si chiude il 20 luglio).

Adolfo Spezzaferro

1 commento

Commenta