Roma, 15 gen – In visita a Nyamey, capitale del Niger dove è stanziato un contingente di circa 500 soldati italiani, il premier Giuseppe Conte ha detto chiaramente che sull’immigrazione c’è il forte rischio che l’Unione Europea possa crollare.

“Ieri ho lanciato un grido di allarme: l’Europa rischia di franare sotto il peso del problema irrisolto dell’immigrazione. E’ una cosa seria, è un rischio che vedo serissimo. L’Italia vuole un’Europa più forte, responsabile, equa, solidale. A distanza di mesi continuiamo a non vedere sviluppo, nonostante abbiamo affermato nuovi principi. Se continuiamo così, il rischio che l’Europa frani diventa molto concreto”, ha dichiarato il primo ministro italiano.

Durante la conferenza stampa con il premier del Niger, Mahamadou Issoufou, Conte ha poi specificato che l’Europa necessita di una svolta: “Nonostante abbiamo affermato nuovi principi in materia di immigrazione, continuiamo a non vedere nessuna svolta a livello europeo”. Secondo il premier italiano “ci sono tanti banchi di prova per misurare il passaggio dalle affermazioni di principio ai fatti concreti”.

Alessandro Della Guglia

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. 1) Uscire dall’UE. 2) Blindare le frontiere. 3) Creare condizioni di vita impossibili per i clandestini (forse non potremo espellerli coattivamente, ma possiamo senz’altro indurli ad andarsene autonomamente).
    Tutto il resto è chiacchera vana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here