Roma, 10 gen – Graziella Bartolucci, mamma della senatrice M5S e vicepresidente del Senato Paola Taverna, da anni occupa senza averne i requisiti una casa popolare alla periferia Est di Roma. E’ ormai dal 1994  che risiede nell’appartamento pagando un affitto tra i 100 e i 150 euro al mese. L’Ater, tuttavia, ha scoperto (dopo aver effettuato degli accertamenti patrimoniali), che è dal 2014 che la signora Bartolucci avrebbe perso i requisiti per abitare nella palazzina: il valore dei beni in possesso del suo nucleo familiare superano di gran lunga i limiti prefissati dall’azienda territoriale per l’edilizia pubblica di Roma. La conseguenza, in base all’ultima sentenza del Tar, è inequivocabile: lo sfratto.

La madre della pasionaria pentastellata ha fatto ricorso al tribunale amministrativo del Lazio ma è stato rigettato in toto. Ora la questione scomoda rimbalza al sindaco Raggi: è infatti la giunta capitolina a dover liberare l’alloggio, sempre che la signora non decida di sua sponte di lasciarlo. La Taverna è una paladina dell’onestà ma naturalmente non lesina l’orazione (sarebbe il caso di dire letteralmente) pro domo sua“Mia madre percepisce una pensione minima e vive in una casa popolare dove ho vissuto anche io per tanti anni“. Con questa affermazione da libro Cuore, rilasciata a ottobre, la senatrice ha cercato di carpire la pietà del pubblico.

Eppure sono molti gli italiani che vivono in condizioni indigenti senza per questo ergersi a eroi del giustizialismo a tutti i costi e senza privare altri cittadini di un loro diritto. “Credo abbia tutto il diritto di desiderare di morire nella stessa casa dove è vissuta”, ha aggiunto la politica cinquestelle. Ma il sentimentalismo non sembra aver fatto presa sui cuori dei giudici.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here