Vercelli, 10 giu – La destra semina odio, il “brodo culturale” in cui sguazza è questo, utilizza termini beceri, violenti, pericolosi. In estrema sintesi, è quanto ripete continuamente la sinistra in Italia, in politica e sui media. Potremmo dire che è il massimo dell’espressione propagandistica che riesce a partorire, ma non vorremmo apparire così spietati. Ad esserlo, spietata e vergognosa, è stata invece l’uscita di Giulia Bodo, esponente del partito tanto caro ai raffinati megafoni dell’intellighenzia: +Europa. La gentile signora, in un post pubblicato sui social, ha infatti augurato la morte a Paolo Tiramani, parlamentare della Lega che nei giorni scorsi è stato duramente attaccato per aver pubblicato su Facebook un fotomontaggio giudicato “sessista” nei confronti del sindaco uscente di Vercelli, Maura Forte.

L’attivista del partito della Bonino, sorella del candidato sindaco Federico Bodo, escluso dal ballottaggio di ieri, ha infatti scritto: “Chissà che a forza di fare politica sulla pelle della povera gente, uno un giorno si pieghi a raccogliere il telefono in macchina mentre guida”. Chiaro dunque il riferimento all’incidente in cui nel giugno 2016 è morì l’ex deputato leghista Gianluca Buonanno, molto amico di Tiramani. Un’affermazione terribile che si giudica da sola e che dovrebbe far riflettere tutti coloro che ripetono a pappagallo la ridicola, stucchevole, litania della destra ignorante che semina odio, paura e bla bla.

Violenza verbale

“Per giorni mi hanno dato ingiustamente del sessista – ha replicato il parlamentare e sindaco di Borgosesia – poi la sorella del candidato sindaco di +Europa mi augura di morire come Buonanno. Ci indigniamo a senso unico? È una vergogna“. Lo è, senza dubbio. “Della iscrizione a +Europa di Giulia Bodo si occuperà l’organo di garanzia del movimento, al quale verrà deferita oggi, e che deciderà sulla sua espulsione. Considero le sue parole assurde, violente e inaccettabili, senza se e senza ma”, ha commentato in una nota Benedetto Della Vedova, segretario di +Europa. Vedremo allora cosa deciderà a riguardo “l’organo di garanzia” del politicamente correttissimo partito europeista.

Eugenio Palazzini

Commenti

commenti

7 Commenti

  1. Questi froci fanno veramente schifo!!!!!!!!! Voglio essere libero e non discriminato da questi frocioni di merda che girano per roma.I piu’ illustri scienziati oramai sono tutti d’accordo che questa e’ una grave malattia pso9chiatrica e che puo’ essere curata . ma oramai la depravazione umana e’ quello che e’ .

  2. Ma ci rendiamo conto oppure no di dove sta andando l’umanita??? i froci???? ma per carita’ di dio “! negli anni sessanta se si avvicinavano ai cessi pubblici pigliavano calci in bocca dai padri di famiglia. e adesso sono razza protetta??? ma lontani da me 10 km brutti schifosi maiali! saro’ anche libero di pensarla come mi pare senza essere discriminato da questi maiali.

  3. Branco di frocioni depravati.Altro che orgoglio, orgoglio di cosa?? schifosi maiali culattoni.Non vi avvicinate alle famiglie oneste .

  4. Della Vedova Benedetto un uomo che ha avuto un percorso politico simile ad una pallina del flipper … un vero politico per professione! -scusate volevo dire per passione !-.
    E’ stato anche con l’indimenticabile Gf Fini e qualche giorno fa portava allegramente un cartello, che dimostra tutta la sua profondità intellettuale e culturale, al gay casino di Roma con scritto “tu fontana noi marea”.
    una garanzia …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here