Roma, 4 sett – Sebbene Massimo D’Alema si sia spinto a dire che l’alleanza di governo tra Pd e M5S sia “naturale” un tempo tra gli stessi grillini non si pensava fosse possibile; addirittura l’ideologo dei pentastellati, Gianroberto Casaleggio, dimostrava di essere fortemente contrario.

“Uscirei dai Movimento”

In questi giorni è tornato alla ribalta un video del 2013 in cui Casaleggio senior esprimeva una posizione nettamente contraria a qualsiasi accordo il Partito Democratico. “Un governo con il Pd?” dice Casaleggio senior, che raramente concedeva interviste: “L’ho già detto, io uscirei dal MoVimento”. Le domande sono di Gianluigi Nuzzi e vennero poste al guru del Movimento in occasione di Ponza d’Autore una rassegna letteraria che si svolgeva sull’isola.

Il co fondatore del M5S, che sarebbe deceduto tre anni dopo, nel medesimo video negava la possibilità per i pentastellati di allearsi con il Partito Democratico, nemmeno se a chiederglielo fosse stato l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Spezzato il legame con Casaleggio

Sei anni dopo il Movimento Cinque Stelle rinnega il legame con il Casaleggio fondatore ed è pronto, per opportunismo, a “sposarsi” col Partito Democratico. Beppe Grillo, braccio destro di Casaleggio senior, anche lui da contrario è diventato favorevole al grande compromesso. Insomma, dalle folle oceaniche dei “Vaffa” i pentastellati (parafrasando Rino Gaetano) “incendiari e fieri” una volta sulla poltrona sono diventati “tutti pompieri”.

Ilaria Paoletti

Commenta