Home Politica “Noi criminalizzati”. Così la Meloni legge la sconfitta del centrodestra

“Noi criminalizzati”. Così la Meloni legge la sconfitta del centrodestra

Meloni sconfitta


Roma, 18 ott – Giorgia Meloni sul pessimo risultato del centrodestra alle comunali è netta: “Noi criminalizzati”, dice, ammettendo la sconfitta che però “non è una débâcle”.

Meloni, le ragioni della sconfitta e l’astensionismo

Non è una débâcle, come ripete nel corso della conferenza stampa di ieri sera nella sede romana di FdI  (“nelle grandi in città cinque erano in mano al centrosinistra, una al centrodestra”), ma la tenuta del partito appare complicata. Secondo Giorgia Meloni è il “braccio armato della sinistra” ad aver favorito notevolmente il risultato.



“La tattica è sempre la stessa, criminalizzare l’avversario e renderlo impresentabile”, afferma  riferendosi ai presunti scandali ad orologeria spuntati poco prima del voto. “Un evidente indebolimento del nostro sistema democratico”, aggiunge poi. La Meloni, comunque, azzarda considerazioni più tecniche della sconfitta medesima.

“Mi pare si stia lentamente tornando a un sistema bipolare” aggiunge la Meloni, ma la situazione richiede “una valutazione da parte del centrodestra” che “deve rielaborare un progetto”. “Consiglio di ripartire da profili politici”, adducendo l’esperienza come migliore arma per rispondere all’aggressività degli avversari.

Sulla politica nazionale, “i tre partiti di centrodestra hanno tre posizioni differenti” e ciò “rende difficile proporre un’alternativa chiara e più facile creare disorientamento”. Inoltre, anche il presidente di FdI lancia il tema dell’astensionismo, qualcosa di cui “tutte le forze politiche dovrebbero preoccuparsi”.

Il ripetitivo tema del fascismo

Sul tema sempre ricorrente delle “nostalgie fasciste”, viene chiesto alla Meloni come intenda procedere: “È facile criminalizzare, cercare di fare paura, tentare di dipingere un mostro“, o “jolly”, come lo chiama successivamente. “Non credo di poter fare di più, non credo di non aver fatto più di ciò che potevo fare”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Giorgia, dovresti guardarti allo specchio perché la debacle deriva da questo
    https://www.imolaoggi.it/2021/02/02/giorgia-meloni-entra-nellaspen-institute/

    e questo
    https://www.secoloditalia.it/2021/10/meloni-sfida-letta-fdi-pronto-a-votare-draghi-al-colle-ma-poi-andiamo-al-voto-e-ci-contiamo/

    Hai fatto tutto da sola altro che criminalizzazione.

    Hai preso voti M5S e Lega ma non hai preso il partito del non voto perché il partito del non voto è #Italiano e #Sovranista nei fatti non solo di facciata
    https://cise.luiss.it/cise/2020/05/04/italiani-spaccati-sulleuropa-ma-non-e-solo-una-questione-di-destra-vs-sinistra/

    e te lo avevo già pure scritto
    https://www.ilprimatonazionale.it/primo-piano/schiaffo-fanpage-chiara-valcepina-eletta-consigliera-milano-209650/#comment-78665

    oltre ad averlo scritto a qualcuno di spicco di FdI addirittura prima del primo turno.

Commenta