Roma, 4 sett – Matteo Salvini, tra un video e l’altro di vacche in stato brado che nuotano nei laghi del Trentino, trova il tempo di commentare la lista dei ministri resa pubblica oggi da Giuseppe Conte.

“Record di ministri e di poltrone”

“Un governo nato tra Parigi e Berlino e dalla paura di mollare la poltrona, senza dignità e senza ideali, con persone sbagliate al posto sbagliato”. Scrive Matteo Salvini su Facebook, pollice in alto, mentre si immortala con la gigantografia autografata nientemeno che di sé stesso sullo sfondo. E annuncia una diretta per le 18 e 30 che arriva con un po’ di ritardo: “Record di ministri e poltrone!” si legge nella didascalia al video. “Competenze poche, paura del voto tanta. Siamo già al lavoro Amici miei, non potranno scappare dagli Italiani a lungo” ammonisce il leader della Lega, che spinge per andare ad elezioni come le altre forze del centrodestra. “Nel frattempo limitiamo i loro danni e ci prepariamo a tornare a vincere. Io non mollo!”


“L’Italia merita di meglio”

Ricorda ancora Salvini su Facebook: “Il governo dei No e delle poltrone non va lontano, non potranno scappare dalle elezioni (quelle vere) all’infinito: l’Italia merita di meglio, noi ci prepariamo!”. Come ricorda Vittorio Feltri e persino Matteo Renzi, avremo un ministro degli Esteri che è incerto quando parla italiano, figuriamoci l’inglese. Si, meritiamo di meglio ….

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Ma perchè non la smette di pontificare e di fare il fenomeno? La colpa è solo sua. Credeva di avere in mano il Paese, ma forse non ha capito che la gente cambia idea alla velocità della luce e l’ha già dimenticato. In una società americanizzata come la nostra il perdente purtroppo rimane tale. Piuttosto faccia autocritica: in un anno e più di governo non è riuscito a creare validi punti di sostegno nel governo, non è riuscito a fare squadra, e dunque che capitano è? Non è riuscito nemmeno a imporsi dopo la vittoria alle europee sostituendo il ministro della difesa e dell’economia (siamo a crescita sottozero), non è riuscito a creare una formazione diversa dalla Lega (parla ancora di Miglio…) e veramente convincente dal punto di vista nazionale. In compenso ha continuato a brillare su facebook con un’esagerata sovraesposizione mediatica, ma non si fa politica su facebook, e mettersi troppo in mostra alla fine è controproducente. Pensa di ritornare al governo e che questo governo cadrà tra breve, ma secondo me ha fatto male i conti.

  2. Social media marketing pays off…. ooops …. non sempre…..ha fatto campagna elettorale usando la poltrona e la visibilità del ministero e ha sbagliato clamorosamente a staccare la spina, pensava che di fronte a un gesto del genere i pentastellati avrebbero risposto con poemi e fiori? evidentemente si sono sentiti pugnalati alle spalle e hanno restituito il favore, con Renzi che ancora non riesce a credere di essere riuscito ritornare sul proscenio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here