Roma, 21 mar – Il 21 aprile dello scorso anno, Luigi Di Maio pubblica un post sulla sua pagina ufficiale di Facebook in cui affermava: “Chi paga questi taxi del Mediterraneo? E perché lo fa? Presenteremo un’interrogazione in Parlamento, andremo fino in fondo a questa storia e ci auguriamo che il ministro Minniti ci dica tutto quello che sa” come commento ad un articolo pubblicato, e ora curiosamente sparito, del Blog di Beppe Grillo intitolato “Più di 8 mila sbarchi in un giorno: l’oscuro ruolo delle ONG private”.

Di Maio M5S ong

Nel gennaio scorso, l’agenzia tedesca DPA chiede spiegazioni a Di Maio sulla vicenda; il leader del M5S smentisce affermando: “Non ho mai affermato che le ONG siano taxi del mare. Seguendo le argomentazioni e le indagini di alcuni magistrati italiani, ho detto una cosa diversa e cioè che alcune ONG mancano di trasparenza e che dobbiamo verificare se salvano o se trasportano migranti”.

Carenze di fosforo o piaggeria politica pre elettorale?

Ovviamente la seconda. Abbiamo già documentato ampiamente che il programma immigrazione del M5S è stato scritto dagli avvocati di ASGI, associazione ampiamente finanziata da George Soros. Ma c’è di più: nella squadra dei candidati pentastellati compare Paolo Lattanzio.

m5s ong soros lattanzio

Presentato come manager del terzo settore con decennale esperienza in comunicazione e innovazione sociale, Paolo Lattanzio è stato eletto alla Camera nel Collegio uninominale Bari 1 con il 43,27%. Sarebbe stato lo stesso se gli elettori pugliesi, provati da anni di immigrazione incontrollata, avessero saputo che il candidato del Movimento 5 Stelle è un manager (non volontario come erroneamente riporta l’immagine a scopo promozionale pubblicata da Avaaz) di Save The Children, una delle ONG più presenti con le proprie navi davanti alle coste libiche?

Paolo Lattanzio, oltre ad avere in passato sostenuto la candidature del sindaco PD di Bari, Antonio Decaro, del quale ha dichiarato “Il mio sindaco, fiero di far parte del tuo gruppo”, è Development Manager di Save The Children; dal gennaio 2016, Lattanzio si occupa “di sviluppo organizzativo; definizione e implementazione strategia e processi; risk management; implementazione e sviluppo trasversale della strategia di creazione, sviluppo e gestione delle partnership aziendali; sviluppo metodologia di lavoro con partner coerente con Save the Children International; mappatura delle organizzazioni partner (actual & prospect); focal point nazionale; networking; change management”. L’incarico, precedentemente ricoperto da Paolo Lattanzio in Save The Children, è stato di coordinatore “per l’intervento su integrazione, partecipazione e non discriminazione attraverso l’uso dei new media. Gestione risorse umane di progetto (44 unità su territorio nazionale), sviluppo metodologia di lavoro, comunicazione interna ed esterna, promozione e networking”.

Sempre per Save The Children, Paolo Lattanzio ha coordinato il progetto UndeRadio, web radio contro la discriminazione che vede “la partecipazione e l’integrazione delle seconde generazioni e non solo, raccontate da chi vive sulla propria pelle i temi dell’immigrazione e del diritto di cittadinanza, di cui dibatte l’opinione pubblica”.

Candidatura e successiva elezione di un esponente alquanto particolare per il Movimento 5 Stelle che ha affermato nel proprio programma immigrazione “Obiettivo sbarchi zero”.

Scommettiamo che Lattanzio voterebbe si alla legge sullo ius soli?

Passiamo ad una notizia di forte attualità.

Nel 2013, il Movimento 5 Stelle ha schierato come candidato sindaco per il comune di Valverde (Catania) Rosa Emanuela Lo Faro.

L’avvocato catanese Rosa Emanuela Lo Faro è attualmente il difensore del comandante di Open Arms, nave dell’organizzazione non governativa spagnola Proactiva Open Arms, accusata dalla Procura di Catania, diretta da Carmelo Zuccaro, di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”, dopo i fatti che l’hanno vista coinvolta in un contenzioso con la Guardia Costiera Libica e il suo rifiuto successivo di sbarco dei migranti autorizzato a Malta.

Paradossale anche la dichiarazione della Lo Faro sulla vicenda Proactiva Open Arms: “Poiché il decreto legge 286 del 1998 dice chiaramente che non commette reato chi soccorre persone devo dedurre che hanno istituito il reato di solidarietà”.

Ha ragione l’avvocato: non è reato soccorrere persone in reale stato di emergenza, non traghettarle in Italia visto che la ONG spagnola ha rifiutato lo sbarco dei migranti a Malta, preferendo proseguire in direzione delle coste italiane.

In conclusione, possiamo affermare che Luigi Di Maio non solo ha ritrattato la sua dichiarazione dell’aprile 2017 in cui sosteneva che le ONG fossero “taxi del mare”, ma è andato oltre schierando nella sua squadra degli orgogliosi immigrazionisti che lavorano per i “taxisti” o li difendono quando la loro nave viene posta sotto sequestro e tre dei suoi membri vengono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Francesca Totolo

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. Due personaggi ignobili e inverecondi , i soliti politicanti e avvocatucoli con le spalle copertissime da un ginepraio di leggi e leggine…….basta,siamo invasi da feccia africana e magrebina varia , zingari e mafia slava spadroneggiano , la criminalità indigena controlla interi quartieri……….ci sono da applicare le leggi speciali , siamo in guerra,siamo invasi e molestati , razzialmente sostituiti…….ancora sbarchi , ancora ong compiacenti e colluse…… Siamo allo schifo totale……..e pensare che i grillini ci dovevano salvare…… Auguri Itala.

  2. Subito dopo le elezioni, il gay(secondo Sgarbi) Di Maio disse; gli investitori possono stare tranquilli.Gli investitori di cui parla sono anche quelli con cui si è incontrato in segreto, senza alcun streaming, a Londra e negli USA.Questi investitori sono rappresentanti degli stranieri che si sono comperati a 2 lire il paese, banca d’italia(1992) e ex banche pubbliche comprese.Questi aspettano la ultima svendita dei beni pubblici rimasti con la scusa del deficit che è oggi con entità private.Questo deficit si è creato per la mancanza di sovranità monetaria.Prima molto del deficit pubblico era dovuto a banca d’italia ma essa era dello stato e quindi non era da ripagare! .Inoltre stanno organizzando il prelievo diretto dai conti, chiamato “bail in”(fatto per i belin ) .Il bail in è una invenzione degli usurai stranieri per cui una banca privata, dopo aver investito in titoli tossici (dal valore nullo dopo poco tempo) prodotti da entità finanziarie collegate agli stessi proprietari , fà ripianare la perdita con il denaro degli stessi correntisti.Il concetto loro è che anche i correntisti sono creditori(!) della banca come qualsiasi fornitore!!.Insomma, i soldi che la banca dovrebbe conservare per nostro conto nella realtà vengono usati per arricchire gli usurai!
    Con Di Maio possono dormire sogni tranquilli e finire la devastazione del paese.Vedrete che svenderà di tutto anzichè perseguire la sovranità monetaria,anche per trovare i soldini per dare il reddito di povertà ai suoi elettori.

  3. i 5 sole si stanno mostrando per quello che sono gli eredi del pd ancora piu’ globalisti e contro il popolo italiano aspettate e vedrete …………..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here