Milano, 20 giu – Sono molti i quotidiani che oggi titolano sugli attentati di Londra e Parigi, dove due mezzi  si sono lanciate rispettivamente sulla folla di fedeli che usciva da una moschea e su un furgone della polizia.

Sui giornali si parla anche della legge sullo ius soli, con le dichiarazioni di Alfano che afferma di votare sì al Senato.


La stampa britannica dedica ampio spazio ai fatti di Londra alla moschea di Finsbury Park, mentre la stampa francese preferisce mettere in prima pagina i risultati del secondo turno delle elezioni legislative.

Di seguito una fotogallery delle prime pagine dei principali quotidiani italiani ed esteri.

Alberto Palladino

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerrorismo, spirale infinita: auto contro polizia a Parigi, morto l’attentatore
Prossimo articoloSbarchi senza fine tra Sicilia e Calabria. Al collasso la macchina dell’accoglienza
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here