Il Primato Nazionale mensile in edicola

095213178-1124f590-146a-44db-a6ba-78f65670bb81Nizza, 15 lug – Il terrorismo islamico torna a colpire la Francia. Questa volta non è stata la capitale, ma Nizza, la città della Costa Azzurra a meno di 40 km dal confine italiano. Durante le celebrazioni per il 14 luglio, mentre migliaia di persone erano accalcate sul lungomare pedonale, la Promenade des Anglais, per assistere allo spettacolo dei fuochi d’artificio, verso le 22.30 un camion si è lanciato sulla folla investendo centinaia di persone. Al momento il computo delle vittime è salito ad 84, ma ci sono almeno 18 feriti in condizioni molto gravi e dunque il bilancio sembra destinato ad aumentare. Tra le vittime figurano anche molti bambini, come testimonia la drammatica immagine della bambina stesa in terra con accanto un bambolotto riportata dai principali media e rilanciata dai social.

Al momento sembra che l’azione sia stata condotta da un solo uomo, un “francese” di origini tunisine di 31 anni, nato in Nordafrica e residente a Nizza, di cui al momento non vengono riportate le generalità ma fanno sapere le autorità francesi “era noto alla polizia per violenze, uso di armi, ma nessun fatto legato al terorrismo”. Prima di essere ucciso dalla polizia, sembra da una poliziotta, l’autista del camion è riuscito a procedere nella zona pedonale per almeno 3 km ad una velocità di circa 80 km orari. Molte le testimonianze in cui si racconta che “il camion sterzava di continuo, per colpire più persone possibile, proprio come fossero dei birilli”, altre invece sottolineano la crudezza della scena “ho sfiorato la morte, ho visto gente stritolata, teste insanguinate, membra staccate”. terrorismo attentato nizza

Fin da subito sono circolati molti video, con immagini anche molto cruente, cosa che ha fatto scattare la censura dei social network e l’invito a non pubblicare i fotogrammi più “forti”. La polizia ha tentato da subito di fermare l’attentatore, che ha però risposto al fuoco mentre era alla guida, sembra anche riuscendo a colpire alcune persone che si trovavano in spiaggia. L’utilizzo del camion per travolgere le persone sembra una nuova modalità di attacco, mai vista in Europa ma già utilizzata in Medio Oriente. In passato anche al Al-Qaeda utilizzato pick-up per “uccidere chi non è fedele ad Allah“. In rete i sostenitori dell’Isis festeggiano, mentre la Francia è alle presse con un nuovo dramma nazionale. Il premier Manuel Valls ha proclamato 3 giorni di lutto nazionale.


 Davide Romano

1 commento

  1. Bene (ovviamente si fa per dire). Trascorsi i tre giorni di Lutto Nazionale, si decideranno finalmente a capire che razza di disastro hanno in casa, o continueranno a far finta di niente e riposare sulle illusioni?