Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 feb – Infiamma lo scontro politico tra Giuseppe Conte a la Regione Lombardia, accusata dal premier di aver gestito male l’emergenza coronavirus. Parole respinte al mittente con fermezza sia dal governatore lombardo Attilio Fontana che dall’assessore al Welfare Giulio Gallera. “Una dichiarazione inaccettabile da una persona ignorante, perché ignora assolutamente quali erano e sono i protocolli definiti dall’Istituto superiore di sanità“. Intervistato ad Agorà, su Rai3, Gallera replica duramente alle accuse di Conte di ieri che peraltro aveva prospettato una sorta di commissariamento delle Regioni scatenando un putiferio.



“Conte non conosce i protocolli e cerca di coprire falle gigantesche”

“Noi abbiamo seguito pedissequamente ciò che era stato determinato dall’Iss e le linee guide del ministero“, insiste l’assessore lombardo. Insomma, se dal governo centrale le indicazioni erano quelle di sottoporre al test soltanto chi provenisse dalla Cina (e non chi presentasse i sintomi tipici del coronavirus), gli ospedali non hanno alcuna colpa. Per Gallera “il problema è che il presidente del Consiglio non conosce i protocolli e getta la palla in tribuna per coprire delle falle gigantesche di un sistema di protezione civile nazionale che non sta dando alcun tipo di risposte ai problemi organizzativi e gestionali che avrebbero dovuto prevedere e predisporre”. Noi, insiste Gallera, “veniamo in maniera ignobile attaccati da un presidente del Consiglio che non sapendo di cosa parla dice che noi non seguiamo i protocolli, quando la Regione Lombardia i protocolli non solo contribuisce a livello nazionale a realizzarli, ma li segue in maniera puntuale”.

“Come mai è stato consentito alle persone di arrivare in Italia senza controlli?”

“Io non so che film abbiano visto da Roma – prosegue l’assessore replicando alle accuse – forse le falle sono da altre parti. Per esempio qualcuno ci dovrebbe dire come mai a diverse persone è stato consentito di arrivare nel nostro Paese senza controlli di alcun genere. Voli bloccati? Sì, ma in altri Paesi europei hanno messo in quarantena tutti quelli che arrivavano dalla Cina a partire dai primi di gennaio… Non vorrei che, siccome prima o poi qualcuno queste domande se le farà, oggi si voglia accusare la gestione più efficiente per coprire le manchevolezze di altri”.

La nota di Palazzo Chigi che cerca si smorzare i toni

L’attacco di Gallera arriva nonostante una nota di Palazzo Chigi avesse tentato di abbassare i toni. “Il Presidente Conte, come ribadito tutti i giorni, è pienamente soddisfatto del livello di collaborazione sin qui attuato con i Presidenti delle Regioni interessate nella gestione della emergenza sanitaria“, si legge. “Il coordinamento tra i vari livelli istituzionali funziona molto bene ed è fondamentale per riuscire a contenere nel migliore dei modi questa emergenza, – prosegue la nota distensiva – cosi’ e’ stato ad oggi e così, è l’auspicio, dovrà essere anche in futuro con tutte le Regioni, con le quali bisogna essere pronti a creare iniziative ancora più coordinate laddove fosse necessario”. Belle parole, ma le scuse tardive non cancellano le accuse del premier.

Fontana: “Ipotesi Conte irricevibile e offensiva”

Dal canto suo, il governatore Fontana aveva definito “irricevibile e, per certi versi, offensiva” l’ipotesi di Conte: “Parole in libertà – si legge in una nota ufficiale – che mi auguro siano dettate dalla stanchezza e dalla tensione di questa emergenza. La Lombardia sta dimostrando di essere all’altezza della situazione e sta gestendo con competenza ciò che sta accadendo. E tutto questo alla faccia dell’autonomia e dei pieni poteri”.

Le accuse di Conte, sebbene respinte al mittente, restano. Perché il dato politico è che il governo centrale, che è in mano ai giallofucsia, ha tentato di far ricadere talune responsabilità nella gestione dell’epidemia da coronavirus sulle Regioni amministrate dal centrodestra.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

8 Commenti

  1. ..il PD, a forza di frequentare i compagnucci 5stalle, hanno imparato sul come buttarla in caciara…”ONESTÀ ONESTÀ trallallalà ..”

Commenta