Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 feb – Il bilancio dei morti per coronavirus in Cina sale a 1.115, i contagi sono 44.653. Lo rendono noto le autorità di Pechino, che hanno segnalato 94 nuovi decessi e 1.638 nuovi casi di contagio in un solo giorno. Le persone che sono state contagiate e che sono guarite a livello globale, secondo i dati della John Hopkins University, sono 4.850, delle quali 2.639 nella sola provincia dello Hubei, epicentro dell’epidemia, il resto nelle altre province e regioni cinesi, una a Macao e una a Taiwan e altre 49 fuori dalla Cina. Intanto ci sono altri 39 contagiati a bordo della Diamond Princess, la nave da crociera in quarantena in Giappone. L’Organizzazione mondiale della sanità lancia l’allarme per il virus ribattezzato Covid-19: “E’ il nemico numero uno, peggio del terrorismo”. E fa sapere che serviranno almeno 18 mesi per il vaccino. Per quanto riguarda la situazione in Italia, Migliorano i coniugi cinesi ricoverati allo Spallanzani.

Speranza: “No a sospensione Schengen”

Allo stato, “non ci sono elementi tali da giustificare una sospensione dell’accordo di Schengen sulla libera circolazione delle persone e delle merci in Europa“, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza in Parlamento. Invocando però “un coordinamento più forte dei Paesi Ue”. “Dobbiamo continuare a tenere un livello di attenzione molto alto ma senza allarmismi perché in Italia e negli altri Paesi europei la situazione è sotto controllo”, ha assicurato Speranza.

“Accordo con Facebook, ogni ricerca sul coronavirus rimanderà al ministero della Salute”

“Accordo fatto con Facebook. Ogni ricerca sul coronavirus suggerirà di visitare il sito del ministero della Salute. La corretta informazione è parte della prevenzione”, ha annunciato Speranza descrivendo l’iniziativa realizzata in collaborazione con il popolare social network.

Due nuovi casi in Germania, i contagi salgono a 16

Due nuovi casi di Covid-19 sono stati accertati in Germania, dove adesso sono 16 i contagi. I due nuovi casi sono stati localizzati in Baviera, nell’azienda di forniture automobilistiche Webasto, la stessa dove è stata registrata la prima infezione “tedesca”, avvenuta in seguito alla visita nel Paese di una dipendente della stessa azienda in arrivo dalla Cina. Almeno 40 persone, hanno spiegato le autorità secondo quanto riferisce il Washington Post, sono entrate in contatto con quest’ultima.

Altre 39 persone positive al virus a bordo della Diamond Princess

Altre 39 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess, in quarantena a Yokohama, sono risultate positive ai test sul coronavirus. Lo ha rivelato il ministero della Salute di Tokyo. Il totale di persone che hanno contratto il virus a bordo della nave da crociera sale a 174. Tra i nuovi casi accertati c’è anche quello di un funzionario sanitario che aveva misurato la temperatura corporea dei passeggeri senza indossare vestiti o occhialini protettivi, ma solo guanti e mascherina: oltre a misurare la temperatura, il funzionario aveva raccolto dai passeggeri questionari medici il 3 e 4 febbraio scorsi. Intanto, quattro persone sono sbarcate dalla nave in quarantena per essere portate in ospedale: si tratta di tre cittadini giapponesi e di uno straniero, tutti in gravi condizioni, due dei quali sono ricoverati in terapia intensiva.

General Motors si ferma per carenza di componenti dalla Cina

General Motors annuncia per la prossima settimana la sospensione provvisoria delle attività per la carenza di componenti dalla Cina, dove il blocco degli impianti per limitare la diffusione del coronavirus ha colpito la produzione. Due linee di assemblaggio di Gm Korea di Bupyeong, capace di produrre 400 mila veicoli annui, chiuderanno lunedì e martedì prossimi per la mancanza di componenti legate all’elettronica. Le operazioni torneranno alla normalità sulle attese del ritorno al lavoro in Cina.

Ludovica Colli

2 Commenti

  1. Si parla di contagi… Di morti… A livello globale… Una nullità rispetto alle vittime di influenza stagionale, 50.000,e di polmonite cronica che negli usa ogni anno fa 500000 morti

Commenta