Berlino, 28 ago -Ennesimo flop per la Germania multiculturale ed accogliente targata Merkel. A Chemnitz, cittadina della Sassonia, sono giorni di passione (e di rivolta). Dopo l’accoltellamento (con conseguente decesso) di un 35enne tedesco, reo di difendere la moglie da molestie, la cittadinanza è in piena rivolta dalla scorsa domenica. Più di mille manifestanti sono scesi in piazza con lo slogan “fuori gli stranieri“: difatti gli indagati sono un immigrato iracheno ed uno siriano. Promotori dell’iniziativa, Pegida (acronimo di “Patrioti europei contro l’islamizzazione dell’Occidente”) congiuntamente a AfD (Alternativa per la Germania): partito politico sovranista, fondato nel 2013 da Bernd Lucke.

Grande l’imbarazzo di Merkel e colleghi: la situazione fuori controllo è sotto gli occhi di tutti. E non solo degli esasperati tedeschi. Ciononostante, il portavoce della cancelliera Steffen Seibert, così commenta l’accaduto: “È importante per il governo, per tutti gli eletti democratici e, penso, per una vasta maggioranza di popolazione, dire chiaramente che questi raggruppamenti illegali e questa caccia collettiva a persone di apparenza o origine diversa, o ancora i tentativi di seminare l’odio nelle strade, non hanno posto in Germania”. Negare l’evidenza, evidentemente, è sport in cui eccelle non solo la sinistra italiana.

Chiara Soldani

Commenti

commenti

8 Commenti

    • Gentile utente1,
      cerchi di essere più intelligente, se legge l’articolo noterà che i poveri profughi ad essere stati brutalmente malmenati dai nazi-fasci-razzisti sono… 3! Dicasi tre unità! E per giunta sono stati “lievemente feriti” (perciò al massimo si saranno sbucciati le ginocchia; altrimenti le avrebbero spiattellato in faccia le immagini). Ora secondo il suo acume e profondissima intelligenza, crede che se la manifestazione avesse avuto come scopo un pogrom antimigranti, i colpiti sarebbero stati solo tre? Se poi avesse letto tutto l’articolo del fatto quotidiano (o non sarebbe meglio chiamarlo “falso quotidiano”?) e non si fosse fermato semplicemente al titolo, si sarebbe accorto che si parla di “aggressioni a semplici passanti, a prescindere dalla nazionalità”. Ora se la matematica non è un’opinione, 20 aggrediti totali, meno 3 stranieri, fa: 17 feriti tedeschi. Come può notare, dai numeri non sembra proprio che la manifestazione sia stata proditoriamente organizzata per colpire i “poveri profughi”. Vuol sapere cosa è successo? Glie lo dico io: dopo l’uccisione del tedesco da parte dei migranti andati in Germania a pagargli la pensione, il malumore di questi gruppi di destra è esploso in una manifestazione di piazza. Come in ogni manifestazione da almeno cinquant’anni a questa parte, si è arrivati a uno scontro con la polizia, che ha prodotto feriti dall’una come dall’altra parte. Successivamente, la sinistra immigro fila tedesca (quella omologa dei centri sociali italiani, per intenderci) ha organizzato una contromanifestazione a favore dell’immigrazione. Ovviamente i due cortei si sono scontrati (o dovremmo credere che i sinistrati siano andati alla manifestazione con fiorellini e caramelle?) e ci sono stati altri feriti. La cosa grave però vuol sapere qual è? È che i giornali cercano di nascondere il malessere sociale della popolazione, che ormai arrivata al limite di sopportazione inizierà inevitabilmente a concretizzarsi in azione violenta, facendolo passare per una eccezione di una frangia fanatica della società. che la manifestazione abbia avuto una impronta “di estrema destra”, questo è sicuro, però bisogna tenere presente che in quella città il partito antimigrazione è il secondo partito e che perciò in strada saranno pure scesi i più fanatici, ma dietro di loro c’è una popolazione arrivata al limite della sopportazione.

      • Gentile Enrico, riconosco di essere stato parziale, il problema è che tutti i quotidiani, anche Il Secolo d’Italia, riferivano inizialmente di diversi attacchi a stranieri scelti a caso (cosa comunque non giustificabile) da parte di una parte dei manifestanti: volevo solo che lo riferisse anche questo giornale.
        Comunque condivido la paura e la rabbia per la situazione di degrado e insicurezza derivata dall’immigrazione, e penso sia bello che siano scese tante persone in piazza a manifestare contro tale situazione.
        Saluti.

  1. Grazie primato, ottima notizia, nonostante le cazzate farlocche della sinistra e la mancanza di tali informazioni sui loro media parziali e servi , è bello sapere che qualcuno in Germania si stia svegliando dopo decenni di dittatura della sederona………….inoltre se qualche patriota tedesco si è distinto nel massaggiare virilmente qualche parassita africano o asiatico che passa le giornate a spacciare o a non fare un cazzo in giro per il paese,ben venga qualche carezza a queste deiezioni che importunano le donne e ne uccidono i mariti……..se poi qualche comunistoide vigliacco teme per i suoi cari migranti negroidi o meno,vada a farsi un giro fra la feccia tribale e ci resti……… Ignobili……….ipocriti buonisti indegni,muore un cittadino tedesco per difendere la moglie e vi preoccupate per le possibili ritorsioni……..fate pena………quando non fate schifo.

    • Indipendentemente da tutto io festeggio qualsiasi tedesco muoia infatti festeggio giornalmente, poi se ucciso da un maron meglio ancora. Dux mea Lux. Primato un buon giornalismo deve essere SEMPRE di parte, vi siete semplicemente aggiunti a tutta la cacca che vi circonda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here