Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bruxelles, 11 giu – L’Italia è rimasta chiusa in casa per mesi, con i bambini senza scuola e i genitori alle prese con le videolezioni. Eppure in classe si poteva (e doveva tornare). Anche perché – indovinate un po’ – i Paesi europei che hanno riaperto le scuole tra aprile e l’inizio di maggio, come Danimarca, Austria e Germania, non hanno registrato un incremento significativo dei contagi da coronavirus o comunque tale da poter essere ricollegato alla decisione di far tornare gli studenti in classe. E secondo gli esperti interpellati da Politico.eu, alla luce dei dati a disposizione c’è un cauto ottimismo che ritornare sui banchi sia relativamente sicuro.

In Danimarca a scuola da aprile: nessun aumento dei contagi

Prendiamo per esempio la Danimarca, dove i bambini sono rientrati a scuola già a metà aprile, quando si contavano circa 200 infezioni al giorno. Dati alla mano, la decisione di riaprire le scuole non ha avuto un impatto sull’aumento dei nuovi casi, che all’8 giugno erano 14. Certo, si potrà obiettare che i danesi sono molti di meno degli italiani e che hanno più spazio per il distanziamento sociale e più soldi da investire per le misure di sicurezza, ma qui si sta parlando di quanto la riapertura delle scuole abbia inciso sulla curva dei contagi. Si chiama proporzione, che è valida a prescindere dalla grandezza dei numeri. Ebbene, il responsabile del settore di virologia sperimentale alla facoltà di Medicina dell’università di Copenhagen, Allan Randrup Thomsen, pur titubante sulla decisione presa dal governo, riconosce che con la riapertura “non ci sono stati effetti che abbiamo potuto rilevare”.

“In Austria riaprire le scuole non ha aumentato i contagi”

Stesso discorso vale per l’Austria. “Ad ogni passo c’è stato un monitoraggio per essere sicuri che il numero delle nuove infezioni non crescesse e che non ci fossero effetti negativi”, ha spiegato Eva Schernhammer, dell’università Medica di Vienna. I modelli statistici utilizzati per prendere la decisione sulla ripresa delle lezioni, infatti, prevedevano aumenti dei contagi superiori a quelli attualmente osservati per il professore di virologia Soren Riis Paludan della Aarhus University. Risultato: “Aprire le scuole non si è tradotto in alcun aumento dei numeri di trasmissione“. In Austria, gli studenti delle superiori sono rientrati in classe all’inizio di maggio, quando i casi giornalieri si attestavano intorno ai 50, a giugno le nuove infezioni si attestano tra due e 66 al giorno.

In Norvegia scuole riaperte il 20 aprile ma epidemia ha rallentato

In Norvegia, dove le scuole sono state riaperte il 20 aprile, l’epidemia ha continuato a rallentare nonostante siano stati fatti più test della fase precedente. Dati simili sono stati riscontrati anche in Austria dove si ritiene anche che i bambini non contraggano il virus così facilmente come gli adulti, ha spiegato sempre la Schernhammer. L’esperta peraltro sottolinea che contemporaneamente sono state allentate anche altre misure del lockdown, a parte la distanza di sicurezza e l’uso della mascherina nei luoghi pubblici.

Anche in Germania la riapertura graduale sta andando bene

Anche la Germania è stata cauta nella riapertura, graduale e con monitoraggio continuo. Per Ralf Reintjes, professore di epidemiologia all’università di Scienze applicate di Amburgo, “è presto per parlare dell’effetto”. Sebbene i numeri attuali sull’epidemia sembrano “abbastanza promettenti” e riconoscendo che l’approccio in Germania non è stato finora “troppo male”, l’esperto sostiene però che la pandemia è “più complicata”. Spiega che “ci sono molti fattori che la influenzano”. Anche se, a quanto pare, tornare a scuola non è uno dei fattori scatenanti di un incremento dei contagi.

In Italia però – grazie ai nostri “espertoni” che hanno deciso al posto di Conte e del governo – gli studenti ormai non torneranno a scuola prima di settembre.

Adolfo Spezzaferro